Serie C: Verso Paganese – Reggina

Pubblicato il autore: ENZO LA PIANA Segui

 E’ stato sempre lo scenario della serie C ad ospitare la sfida tra Paganese e Reggina, disputatasi ad oggi 11 volte.

La prima gara degli amaranto in Campania  risale al lontano  1930 e  Reggina sconfitta  per 2-0.

Il primo successo della squadra dello Stretto in quel di Pagani, è  invece datato 1978. Sempre col punteggio di 1-0, gli amaranto si sono ripetuti nel match successivo – era il 1981 – con   la rete firmata Piras.

Il terzo successo amaranto – arrivato nel  2014 – è firmato da  Dall’Oglio    ed Insigne.
Bilancio molto equilibrato, ma la vittoria dello scorso anno vede i campani  in vantaggio nel conto delle vittorie.

Entrambe le squadre, prossime avversarie della terza giornata di serie C, viaggiano attualmente  appaiate con 3 punti in  classifica.

Campani battuti in casa alla prima uscita dal Bisceglie e vittoriosi a Cosenza.          Amaranto immeritatamente sconfitti a Rende e vincenti all’esordio casalingo nel derby con il Catanzaro.

E’ un match particolare, per il tecnico di Colleferro, che torna, da avversario, al Marcello Torre dopo l’esperienza, nel corso della stagione 2012/2013, sulla panchina degli azzurro-stellati.

Ora sulla panchina della Reggina, Maurizi  ha dato alla sua squadra carattere, morale e autostima, ma  perdere o non avere al meglio per la seconda trasferta stagionale in quel di Pagani – dopo le cure particolari riservate volutamente o involontariamente dagli avversari nell’ ultima gara casalinga al Granillo –  giocatori fondamentali  è un handicap non di poco conto.

Ne hanno fatto le spese Gatti, per la linea difensiva e De Francesco, direttore d’orchestra del centrocampo, il cui recupero è da valutare.

Indisponibile anche Laezza per una fastidiosa sciatalgia.
A completare la iattura, è arrivato il comunicato della società riguardo lo stop di Bianchimano – altro elemento imprescindibile per la squadra –  per un problema muscolare.

Il tecnico amaranto, anche se le alternative non mancano, è impegnato a trovare valide soluzioni:

Tornare al duo visto a Rende, Tulissi-Sciamanna, con Bezziccheri alle spalle dei due, potrebbe essere una valida alternativa, senza contare che  potrebbe rivelarsi  utile anche l’eventuale utilizzo  di Sparacello, arrivato a Reggio per giocare come prima punta.

Indipendentemente dalle scelte adottate, spirito di reazione e le qualità del gruppo, sono  le armi migliori  che la squadra dello Stretto – che non si è mai tirata indietro – ha nelle sue corde e che dovrà usare  per dare continuità alle positive prestazioni fornite.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: