Morata infortunato e sicuro assente in Roma-Chelsea, 4-6 settimane di stop

Pubblicato il autore: Matteo Deklan Cecchetti Segui

LONDRA – Lesione muscolare di secondo grado al bicipite femorale della coscia sinistra: questo il referto degli esami strumentali ai quali si è sottoposto l’attaccante della Roja e del Chelsea, Alvaro Morata, uscito anzitempo nella sfida di cartello contro il City, sabato scorso.

Out per almeno 4 settimane, l’attaccante spagnolo dovrà sicuramente assistere dal divano di casa, alla sfida decisiva per la definizione delle gerarchie del girone di Champions League, contro la Roma. Non solo, perché dovrà saltare anche il ritorno contro la Roma, il doppio impegno della Nazionale Spagnola contro Albania e Israele e quattro sfide della Premier League contro Crystal Palace, Watford, Everton e Bournemouth.

Una perdita pesantissima se raffrontanta al trend impressionante di regolarità sotto porta dell’ex madrileno: 6 centri in 7 partite, uno score pazzesco.

Morata non fa rima solo con gol ma soprattutto è lo spessore e l’apporto che da al 3-5-2 di Conte.

Sarà un vantaggio da sfruttare per la Roma perché non aver di fronte il puntero spagnolo significa sicuramente un calo evidente dell’indice di pericolosità dei Blues, considerando la tipologia di manovra adottata da Conte. Alonso e Morata sono già in feeling e  i traversoni calibrati dall’ex Fiorentina non avranno sicuramente chi saprà tramutarli in rete.

6 punti per il Chelsea, 4 per la Roma che può ambire ancora al primo posto che significherebbe un sorteggio più agevole agli ottavi.

Prospettive ambiziose forse troppo, considerando che la terza pizza è occupata dall’Altletico Madrid del Cholo Simeone, avvezzo alle fase finali e attardato di soli  3 punti. L’avversario dei guerrieri di Simeone sarà il Qarabag, certamente non dei più proibitivi.

Roma dunque che dovrà indossare l’elmetto per sedersi nella tavola delle grandi, Chelsea permettendo.

  •  
  •   
  •  
  •  
  •   
  •