Roma-Napoli: antagoniste a confronto

Pubblicato il autore: Giuseppe Porro Segui


Roma
e Napoli, che sabato si affronteranno nel vero big-match di giornata sono le vere antagoniste della Juventus da ormai diversi anni. Se infatti andiamo a guardare le classifiche degli ultimi 5 anni, troveremo numeri indiscutibili ed anche qualche sorpresa, ma andiamo per ordine. Negli ultimi cinque anni per l’appunto, la Roma è arrivata tre volte seconda; una volta terza ed attualmente è quinta (con una partita in meno); il Napoli a sua volta è arrivato due volte terzo, una volta secondo; una volta quinto ed attualmente è primo.
Leggendo i numeri si trovano conferme interessanti che dimostrano la crescita costante delle due compagini in questione ultimi anni, ma guardiamoli insieme: se togliamo i “cannibali” bianconeri (390 punti sinora con 324 gol fatti e solo 99 subiti), subito dietro ci sono i capitolini ed i partenopei, per curiosità troviamo la Lazio quarta (265 punti con 270 gol fatti e 204 subiti); poi l’Inter (263 punti con 257 gol fatti e 177 subiti) e il Milan (241 punti con 229 gol fatti e 197 subiti) addirittura dietro la Fiorentina (260 punti con 259 gol fatti e 199 subiti).
Però torniamo alla seconda ed alla terza della classe degli ultimi anni. La Roma è seconda, ed il Napoli è terzo con rispettivamente 337 punti i giallorossi, e 330 gli azzurri; tanti in meno dalla Juventus ma tanti in più dalle altre rivali, nel segno di una continuità di un lavoro che sta dando i frutti che prima o poi saranno raccolti da entrambe le squadre del centro-sud. Le reti delle due compagini in questione sono anche esse molte il Napoli ha segnato 346 reti (primi in assoluto) mentre sono 313 quelle dei capitolini, mentre le subite sono 139 quelle della Roma, e 169 quelle dei partenopei. Il Napoli ha segnato 33 reti in più della Roma, ed ha subito 30 reti in più in in perfetto equilibrio che dimostra ancora di più la forza delle due squadre.
Quindi sabato si affronteranno le due co-protagoniste delle ultime stagioni giocate, una con un anima ben definita grazie alla cura Sarri che gli ha dato un gioco ed un identità ben definita, l’altra che cerca la consacrazione proprio grazie a Di Francesco dopo i progetti Garcia e Spalletti che un lavoro avevano iniziato, ma che il giovane mister ha saputo plasmare a sua immagine visto che molti interpreti già tessono le lodi dell’allenatore che sta dando la sua impronta. Ora la parola passa al campo dove Eusebio Di Francesco ha dato del filo da torcere a Maurizio Sarri con il suo Sassuolo, e dove troveremo due squadre pronte a darsi battaglia in ogni zona del campo, anche perché i due organici sono di prima scelta in ogni zona del terreno di gioco. Quindi ne vedremo delle belle, con molti protagonisti in campo da ambedue le parti, e sapendo tra l’altro già il risultato di Torino (JuventusLazio si gioca ale 18;00) e aspettando (il giorno dopo) il derby di Milano con molto interesse visto che potrebbe consacrare l’Inter oppure rilanciare il Milan non ci resta che aspettare con ansia che il campo dia il suo verdetto, e domenica sera potremo guardare la classifica in maniera diversa

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,