Capello-Suning, divorzio vicino. L’Italia nel futuro dell’ex Milan, Roma e Juventus?

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
capello

Capello-Suning, è già addio

Capello-Jiangsu, è già addio. Storia breve e neanche così intensa. Fabio Capello è già pronto a dire addio alla Cina. Lo Jiangsu Suning, dopo la deludente stagione, ha deciso di allontanare il tecnico italiano. Dopo pochi più di 5 mesi quindi l’ex tecnico di Milan, Roma, Juventus e Real Madrid e pronto per lasciare l’Oriente. Insieme a lui sono pronti a salutare la Cina anche Gianluca Zambrotta e Christian Brocchi. I due hanno affiancato Capello in quest’avventura. Lo Jiangsu Suning ha disputato un campionato molto al di sotto delle attese. Una salvezza sofferta per una squadra che è una delle più potenti dal punto di vista economico. Capello quindi a breve sarà di nuovo libero, eleggibile dunque anche per la Nazionale italiana. Don Fabio ha sempre escluso di diventare c.t. dell’Italia, lui che è stato uno dei più vincenti tecnici degli ultimi 25 anni. Quatto scudetti e un Champions League vinta con il Milan, uno scudetto con ola Roma, due scudetti sul campo con la Juventus, due titoli spagnoli con il Real Madrid. Come c.t. Capello ha partecipato ai Mondiali 2010 con l’Inghilterra, esperienza poco felice per l’allenatore friulano.

A 71 anni diventare c.t. di una nazionale da rifondare potrebbe diventare l’ultima grande sfida della carriera di Capello. In queste ore è sempre più caldo il nome di Carlo Ancelotti per la panchina dell’Italia. Ma se Tavecchio e company non dovessero riuscire a convincere Carletto ecco che il nome di Don Fabio balzerebbe in cima alla lista,. Nei giorni scorsi, prima dell’Apocalisse svedese, Capello si era giò autoescluso dalla lista degli eredi di Ventura. Ma oggi, con il divorzio cinese in vista, le cose potrebbero essere cambiate nella testa della mascella d’acciaio di Pieris.

potrebbe interessarti ancheAmichevoli Juventus, il calendario estivo dei bianconeri: Sarri esordisce il 21 luglio contro il Tottenham

Capello, ecco perché sarebbe l’uomo giusto per l’Italia

Fabio Capello e la Nazionale italiana una storia lunga quarant’anni. Due giorni fa, il 14 novembre, lo storico gol segnato da Fabio Capello a Wembley contro l’Inghilterra ha compiuto 44 anni. Una rete storica che nel 1973 permise agli azzurri di vincere per la prima volta nella terra dei maestri del calcio. Da allora però la storia tra Capello e l’Italia è andato in calando. Da allenatore Capello ha sempre mal sopportato le lunghe soste per gli impegni delle nazionali, famose le sue polemiche a distanza con Arrigo Sacchi e i suoi stage a Coverciano.

potrebbe interessarti ancheCalciomercato Milan, Bonaventura cambia i piani rossoneri? Suso ago della bilancia

Capello ha sempre allenatore club di primissima fascia, che hanno fornito tanti giocatori alle varie nazionali più importanti. Ora però lui potrebbe essere l’uomo giusto per il rilancio azzurro. Vincente come pochi, conoscitore di calcio ai massimi livelli e uomo che non si è mai fatto imporre nulla da nessuno. Capello sarebbe una scelta forte, magari con qualche ex azzurro al suo fianco. Buffon è il nome che meglio si adatterebbe a far coppia con Don Fabio. I due sono stati insieme alla Juventus. Due uomini vincenti che hanno fatto la storia degli ultimi 25 anni del calcio italiano. Ancelotti in pole, poi subito dietro Capello. L’Italia calcistica ha bisogno dei suoi eroi per tornare grandi.

notizie sul temaRoma-Pro Calcio Tor Sapienza: diretta tv e streaming dell’amichevole, oggi 18 luglioJuventus, UFFICIALE: De ligt è un nuovo giocatore bianconero! Il comunicatoJuve, Mandzukic in bilico: il punto sul croato
  •   
  •  
  •  
  •