Evra, il calcio al tifoso può costargli la carriera: squalifica di 7 mesi e licenziamento

Pubblicato il autore: Giovanni Esposito Segui

Il difensore del Marsiglia, nel pre-gara del match di Europa League tra OM e Guimares, ha perso la testa ed ha sferrato un calcio ad un tifoso del Marsiglia: ora rischia una brutta sanzione dopo il folle gesto di ieri.

L’episodio durante l’allenamento del Marsiglia. Ieri andava in scena la quarta giornata di Europa League tra Olympique Marsiglia e Victoria Guimares ma, al centro dell’attenzione, è finito un episodio che ha come protagonista Patrice Evra e i tifosi dell’OM. Una volta finito l’allenamento pre-partita, Patrice Evra si avvicina al settore ospiti per parlare chiedere spiegazioni dopo una lunga contestazione dei tifosi nei suoi confronti. La situazione degenera: i tifosi scavalcano la recinzione e scendono in campo vicino ai giocatori dell’OM: Rolando e Doria provano a calmare gli animi ma Evra perde la testa e sferra un calcio in faccia ad un tifoso. La situazione si calma ma Evra viene espulso prima del match e adesso rischia grosso.

La possibile sanzione per il terzino Francese: 7 mesi di squalifica o licenziamento. La stampa Francese si schiera contro il terzino francese definendolo “Indifendibile” per l’episodio di ieri. Adesso Evra rischia grosso: l’ipotesi più morbida, secondo i giornali francesi, è una squalifica per 7 mesi e addirittura al licenziamento da parte del club. Una squalifica che potrebbe porre fine anche alla carriera del francese. Anche il club ha preso una chiara posizione sulla vicenda Evra con un comunicato ufficiale che è apparso sul proprio sito: ” In ogni caso un giocatore professionista deve mantenere il sangue freddo di fronte alle provocazioni per quanto possano essere ingiustificabili e duri. Ma il club non può che condannare tutti i comportamenti violenti di pseudo tifosi che insultano i propri giocatori anziché sostenere la squadra.” Anche Rudi Garcia, dopo la partita, ha commentato l’episodio: ” Pat ha una certa esperienza e non deve reagire, è ovvio.” L’ultima parola spetterà alla Uefa che ha aperto una sentenza nei suoi confronti e bisognerà aspettare l’11 Novembre quando uscirà la sentenza definitiva sul caso Evra.

Un caso simile qualche anno fa: Cantona e il calcio ad un tifoso. Sui giornali è venuto alla luce un caso simile successo nel 1995 quando Cantona sferrò un calcio ad un tifoso: si beccò due settimane di carcere, sentenza ridotta in appello a 120 ore di servizio civile, e sette mesi di squalifica da parte della Football Association per un gesto simile contro un tifoso del Crystal Palace nel gennaio 1995. Ma la pena della commissione disciplinare dell’Uefa potrebbe essere ancora più severa: il massimo organo calcistico europeo è infatti molto severo e intransigente nel punire episodi di violenza e razzismo nel mondo del pallone.

  •   
  •  
  •  
  •