Inter, Spalletti lancia il nuovo motto nerazzurro: #SenzaTregua. Parte la sfida alla Juventus

Pubblicato il autore: Andrea Medda Segui

#SENZATREGUA“. Questo è il messaggio che l’allenatore dell’Inter Luciano Spalletti manda a tutto l’ambiente nerazzurro e non solo. Il condottiero interista lancia un messaggio ben preciso dal suo profilo Instagram creando il nuovo hashtag che infiamma ancor di più una piazza galvanizzata da questo buon inizio di stagione dell’Inter e che ogni settimana dimostra di essere sempre più legata all’allenatore e alla squadra, riempiendo San Siro come nell’ultima sfida casalinga contro il Torino.

potrebbe interessarti ancheSampdoria-Inter 0-1 (Video gol highlights Serie A): Brozovic al 93′, nerazzurri più forti del VAR

L’allenatore toscano, accomodatosi sulla panchina dell’Inter questa estate, ha curato mente e corpo dei giocatori inculcando loro una filosofia nuova che sta dando i primi risultati e che è apprezzata da l’intero l’ambiente nerazzurro. Spalletti con le parole sul suo profilo Instagram dopo il pareggio casalingo contro il Torino anima i tifosi e rispecchia in pieno il nuovo approccio dell’Inter agli impegni del campo: “Il triplice fischio ha indicato la fine della partita…e l’inizio di quella successiva!”. Messaggio chiaro e diretto non solo ai suoi giocatori ma anche agli avversarsi. Come la Juventus, che con il motto “Fino alla fine” ha caratterizzato i suoi anni di successi, ora anche l’Inter ha il suo slogan.

potrebbe interessarti ancheDazn, le polemiche non sono finite: tante proteste per Sampdoria-Inter

Dopo le sfide contro Atalanta, Cagliari e Chievo, scoccherà l’ora dallo scontro diretto proprio contro la Juventus nel Derby d’Italia. Ancora una volta, è il comandante Luciano a mostrare la strada verso il successo. Spalletti ha così già acceso la prossima sfida dell’Allianz Stadium.

notizie sul temaDove vedere Sampdoria-Inter streaming live gratis DAZN e diretta tv, Serie A oggi 22 settembreLa telecronaca Trevisani-Adani, Fabio Caressa difende il duo e respinge le criticheInter, Handanovič a due facce: tanti miracoli e tanti errori
  •   
  •  
  •  
  •