Italia-Svezia, le dichiarazioni di De Rossi: “Stasera finisce la mia parentesi”

Pubblicato il autore: Emmanuele Sorrentino Segui

Italia

potrebbe interessarti ancheNasce la Nazionale di calcio della Sardegna

Ai microfoni di Rai Sport, è intervenuto, dopo Barzagli, anche il centrocampista Daniele De Rossi, che ha annunciato questa sera il suo ritiro con la maglia dell‘Italia. Va ad aggiungersi appunto al predetto difensore juventino, che poco prima aveva anticipato le sue intenzioni.

potrebbe interessarti ancheLaura Giuliani, la donna ragno dagli occhi di ghiaccio: Juventus e Italia sono in mani sicure

Italia-Svezia, le dichiarazioni di De Rossi

Il calciatore romanista è scuro in volto: sa che è una disfatta epocale e lo ribadisce nelle sue parole: “È un momento nero per il nostro calcio, c’è poco da dire, ci sarà tempo per analizzare tutto. Si riparte dallo spirito che i miei compagni hanno messo in campo oggi – continua De Rossi – alla voglia di continuare questa avventura. Ed è proprio questo che ci ha contraddistinto. Si ripartirà, come è avvenuto dopo alcune delusioni cocenti.
Sui motivi della disfatta, l’ormai ex calciatore dell’Italia afferma: “Non c’è motivo di parlare di errori di mentalità, di tattica. Complimenti alla Svezia per aver fatto la sua partita, ma non meritavamo di uscire così”.
Poi sul futuro dell’Italia, tra proclami di svolte epocali o similari, De Rossi chiarisce: “Ci sono tantissimi giocatori giovani che devono spiccare il volo, bisogna necessariamente partire da loro“.
Non poteva mancare un pensiero a due compagni di squadra in Nazionale che analogamente si ritirano: “Con Buffon e Barzagli ho vissuto un momento difficile da associare ad una partita di calcio. Un vero e proprio momento funebre. Sono 16 anni che giro per Coverciano, stasera finisce la mia parentesi, sono sicuro che l’Italia lavorerà molto sui vivai”.
In conclusione, il chiarimento di De Rossi sul siparietto in panchina avvenuto nel corso del secondo tempo, in cui il romanista aveva risposto in maniera stizzita: Noi abbiamo l’abitudine di fare il riscaldamento tre per volta, poi dopo cinque minuti cambiavamo. Io ho semplicemente invitato gli attaccanti a riscaldarsi perché dovevamo vincere. Poi dopo sono andato a riscaldarmi, spero non si sia visto nulla di brutto. Io volevo giocare ero comunque disponibile”

notizie sul temaCagliari, Nicolò Barella:” Non penso al mercato. Se sono arrivato in Nazionale è merito dei miei compagni di squadra”Roma-Spal: difficile recupero per De Rossi e Kolarov. Ennesimo forfait di PerottiNations League: risorge l’Italia con il 4-3-1-2
  •   
  •  
  •  
  •