Fiorentina rischia una multa di 200 milioni, ecco il motivo

Pubblicato il autore: Barbiera Vincenzo Segui

Fiorentina
Momento poco sereno in casa della Fiorentina che è in attesa delle conclusioni di cinque cause civili ancora pendenti nate dal caso Calciopoli. Diego Della Valle parla appunto di ciò che è stato Calciopoli attraverso Il Fatto Quotidiano“Credo che una lettura più attenta delle carte basterebbe a rendere chiaro che la storia di Gazzoni Frascara vittima di Calciopoli è una barzelletta. Aspetto che la giustizia faccia il suo corso, fiducioso nel nostro buon comportamento”.

potrebbe interessarti ancheMercato Fiorentina, Sportiello non verrà riscattato: pronta l’offerta per Meret

Cosa rischia la Fiorentina in caso di conclusione negativa delle cause e di relativa condanna?
Come riporta lo stesso quotidiano, la società Gigliata in caso di soccombenza rischia di essere condannata al pagamento di una cifra vicina ai 200 milioni di euro, cifra astronomica se si pensa al fatturato della società. Il Gip di Firenze, che ha negato l’archiviazione del caso chiesta dalla Procura, ritiene la condanna del club viola non “possibile” ma “probabile”.

potrebbe interessarti ancheFiorentina, estate difficile per i tifosi. Chiesa e Veretout potrebbero lasciare i viola

Si aprono scenari inquietanti in casa della Fiorentina dove non bastavano i problemi che negli ultimi anni affligono la società: basso rendimento di continuità delle prestazioni della squadra, smantellamento sistematico della rosa per necessità di bilancio che di conseguenza hanno portato ad un incrinarsi dei rapporti con la tifoseria più calda; e se effettivamente la società verrà multata di una somma così elevata non vogliamo neanche immaginare a quale conclusione il pagamento di tale condanna potrà portare.

notizie sul temaChiesa, asta per il gioiello della Fiorentina: Liverpool e Manchester City ci provanoFiorentina, per Chiesa ci vogliono 80 milioni. La Juventus ci provaAstori, novità dopo la perizia legale: “Soffriva di una patologia cardiaca”
  •   
  •  
  •  
  •