Milan, senza Champions sicuro l’addio di un big: Donnarumma il “favorito”

Pubblicato il autore: Fabio Sala Segui
Milan Champions League Donnarumma

Milan, senza Champions League parte Donnarumma?

La corsa del Milan verso la zona Champions League, obiettivo fissato ad inizio stagione, deve ancora cominciare. Più che una corsa è una rincorsa, che però procede a passo di lumaca (se non di tartaruga). La tartaruga Milan domani è impegnata sul campo del Sassuolo, terreno ostico ai rossoneri che hanno sempre perso (tranne l’anno scorso) e che è stato il match decisivo per l’esonero di Allegri nel 2014. Nulla però è compromesso: siamo a novembre e il campionato non è lungo, bensì lunghissimo. Quelle là davanti in classifica corrono e pure forte, ma la storia della lepre e della tartaruga ci insegna che non bisogna mai mollare nonostante sembri già tutto scritto.

Milan, senza Champions sicuro l’addio di un big: Donnarumma il “favorito”

Se però i rossoneri non dovessero “svegliarsi” ma dovessero continuare a procedere di questo passo sia in campionato sia in Europa League (attacco a secco in due partite contro l’AEK Atene) la Champions si fa dura. Durissima. E come ha dichiarato Fassone un paio di settimane fa: “In caso di mancata qualificazione in Champions League probabilmente partiranno due top player”. Proviamo a capire chi.
Donnarumma è tra i favoriti a lasciare il Milan in caso di mancato arrivo nei primi quattro posti in classifica in Serie A e in caso di mancata vittoria dell’Europa League (non dimentichiamo che chi vince la competizione europea minore per club ha diritto ad accedere in Champions la stagione successiva, vedi Manchester United di Mourinho l’anno scorso). il baby portiere del milan e della nazionale è il primo candidato a partire per una serie di motivi, primo tra tutti il poco amore (per usare un eufemismo) che scorre tra il suo agente Mino Raiola e la nuova dirigenza del Diavolo. Il caso del rinnovo questa estate ha sì conciliato Milan e Donnarumma, ma ha provocato una rottura probabilmente irreparabile tra Raiola e i rossoneri. L’unica clausola rescissoria nel contratto del portiere da 75 milioni fa di lui un ottimo obiettivo di mercato per le big europee per il rapporto qualità-prezzo. Dalla sua cessione il Milan ne guadagnerebbe anche a bilancio eventualmente: infatti si libererebbe dal peso di dover pagare 6 milioni netti al giocatore di stipendio che però a bilancio costano al Milan 60 milioni lordi.
Altro possibile partente è Suso: lo spagnolo è il fulcro del nuovo Milan. Nonostante gli 11 nuovi acquisti, Suso rimane la pedina fondamentale di Montella e l’uomo in grado di risolvere le partite. Già in estate le maggiori squadre europee avevano fatto offerte per l’esterno mancino, ma lui aveva sempre dichiarato di voler rimanere al Milan ed era in attesa del rinnovo. Rinnovo di contratto che è arrivato e che vede una clausola da 50 milioni, altro ottimo rapporto qualità-prezzo se si pensa ai valori che si assegnano ai giocatori al giorno d’oggi.
Ultimo big che eventualmente potrebbe lasciare il Milan è Bonucci: per lui si tratterebbe più che altro di risparmiare sull’ingaggio. Il difensore ex Juve è il più pagato in Serie A e cedendolo il Milan risanerebbe un po’ il monte ingaggi.

  •   
  •  
  •  
  •