Spareggio Mondiale, le dichiarazioni di Ventura: “Valuterò il futuro con la Federazione”

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui

Italia Svezia le dichiarazioni di Ventura

Quello che era nell’aria sin da subito dopo la fine della partita tra Italia e Svezia ancora non si è materializzato nonostante una lunga attesa nel dopo Italia Svezia che ha sancito la mancata qualificazione degli azzurri al prossimo Mondiale. Giampiero Ventura ancora non si è dimesso dall’incarico di Commissario Tecnico della Nazionale italiana, posticipando ad un prossimo incontro con i vertici della Federazione qualsiasi decisione sul suo futuro. L’avventura sulla panchina azzurra dell’ex tecnico del Torino è però seriamente a rischio dopo la debacle nello spareggio contro la Svezia che è costata all’Italia la seconda mancata qualificazione ad un Mondiale della sua storia
Giampiero Ventura si è presentato in conferenza stampa al termine di un post gara molto teso, iniziato con le lacrime di Buffon ( alla sua ultima partita con la maglia dell’Italia), la delusione di Barzagli, Bernardeschi e Gabbiadini, che si è chiuso con le dichiarazioni del tecnico della Nazionale che ha posticipato qualsiasi decisione sul suo futuro.
L’avventura di Ventura con la Nazionale italiana è iniziata il 7 giugno del 2016 quando l’ex tecnico del Torino venne annunciato come nuovo tecnico degli azzurri.

Le dichiarazioni di Ventura

Non mi sono dimesso, non ho ancora parlato con il Presidente della Federazione.  Sono arrivato in ritardo perchè ho voluto salutare uno ad uno ogni singolo giocatore con il quale ho avuto il privilegio di lavorare. E’ un risultato che dal punto di vista sportivo pesa tantissimo. C’era una grande volontà, una  ferocia di fare per ribaltare il risultato ma il calcio è questo. Sono da tanti anni nel calcio e so accettare questi risultati. Sono orgoglioso di aver fatto parte del gruppo azzurro, di aver lavorato con grandi campioni e con altri cui auguro di diventare tali. Sono dispiaciuto anche perchè questa sera ho capito ancora una volta cosa significa allenare la Nazionale. Il pubblico ci ha sostenuto dall’inizio alla fine. Le mie dimissioni devo valutarle insieme alla Federazione, ci confronteremo e vedremo il da farsi.  Qualsiasi cosa verrà decisa la accetterò. Sapevamo che per alcuni giocatori questa era l’ultima possibilità per disputare un altro Mondiale e questo risultato negativo pesa anche per questo motivo.  Fino alla partita con la Svezia eravamo laddove ci aspettavamo tutti, la colpa è aver terminato due partite senza fare un gol. Qualsiasi altra parola credo sia inutile allo stato attuale”

  •   
  •  
  •  
  •