Ventura e la promessa alle Iene: “Mi dimetto”

Pubblicato il autore: Gianni Succu Segui


Dopo la disfatta di Milano, e conseguente eliminazione dell’Italia dai Mondiali, il tam tam mediatico sulle possibili dimissioni di Gianpiero Ventura è stato incessante.
Tra chi lo vorrebbe esonerato direttamente dalla federcalcio e chi si auspica che possa fare un passo indietro c’è anche chi, come il presidente del CONI Malagò, non vuole forzare la mano sul commissario tecnico, forte del fatto che non vi siano i presupposti per il rinnovo, automatico in caso di qualificazione al mondiale.

potrebbe interessarti ancheMondiali 2018, per il ranking Fifa la Croazia è la peggior finalista della storia

Il programma TV di Italia uno “Le Iene” ha provato ad intercettare Ventura all’aeroporto di Milano con il suo inviato Nicolò Devitiis ed è riuscito a strappare una singola, sussurrata parola che suona comunque come una promessa. All’incalzante reporter che gli chiedeva “Si dimette o no? Ce lo promette?“, il commissario tecnico ha chiosato con un “Si” detto molto piano ma udibile chiaramente nel video qua sopra.
Sembra dunque che il commissario tecnico abbia deciso di non attendere le decisioni della federcalcio, nella riunione convocata per domani pomeriggio e prendersi le proprie responsabilità. Per quanto il divorzio appaia ormai scontato visto il fallimento sportivo, c’è comunque da risolvere la questione sul resto dello stipendio dovuto all’ex tecnico di Cagliari e Udinese tra le altre, che potrebbero rallentare il processo di rinnovamento.

potrebbe interessarti ancheItalia, cosa fanno oggi i Campioni del Mondo a 12 anni dal trionfo

notizie sul temaMILAN, ITALY - DECEMBER 27: The scoreboard shows the use of the new VAR system during the TIM Cup match between AC Milan and FC Internazionale at Stadio Giuseppe Meazza on December 27, 2017 in Milan, Italy.La prima volta del VAR ai Mondiali? Italia-Francia 2006Nazionale, 12 anni dal trionfo azzurro di Germania 2006. Il ricordo di Lippi: “Ero certo di vincere”Giochi del Mediterraneo: la medaglia d’oro in staffetta di un’Italia multietnica
  •   
  •  
  •  
  •