Milan, Donnaruma sui social: “Non ho subito alcuna violenza morale”

Pubblicato il autore: Lorenzo Aliberti Segui

Situazione caldissima in casa Milan dopo le nuove clamorose dichiarazioni del procuratore di Gigio Donnarumma, Mino Raiola.
L’agente qualche giorno fa aveva dichiarato di voler annullare il contratto e come motivazione ha esposto il fatto di aver subito, da parte dei dirigenti rossoneri, pressioni psicologiche e di aver firmato senza serenità il contratto di 6 milioni di euro a favore del numero 99 rossonero.

potrebbe interessarti ancheMarchisio, per sempre juventino:”Ho rifiutato due volte il Milan”

Ieri sera c’è stata la reazione diretta di San Siro, in occasione del match di Coppa Italia, vinto 3-0 dai rossoneri, alle nuove eclatanti e sorprendenti novità su un caso, quello del portiere originario di Castellammare di Stabia, che aveva tenuto in apprensione numerosi tifosi rossoneri per un’intera sessione di mercato estiva.

Uno striscione ha accolto Donnarumma all’entrata in campo con scritto esattamente:“Violenza morale 6 milioni all’anno e l’ingaggio di un fratello parassita? Ora vattene la pazienza è finita!”
Il portiere è rimasto molto rattristato da queste pesanti parole, tanto da scoppiare in lacrime negli spogliatoi; ci ha pensato il capitano rossonero Leonardo Bonucci a rincuorare il ragazzo.

potrebbe interessarti ancheCalciomercato Milan, a giugno si cambia: futuro incerto per Suso, Calhanoglu e Cutrone

E’ di poco fa il post di Gigio su Instagram dove le sue dichiarazioni sono abbastanza chiare :
“E’ stata una brutta serata e non me l’aspettavo !
 Non ho mai detto ne scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto. Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita..forza milan!?⚫️”

Non ci resta che aspettare sviluppi per capire come finirà questa ennesima telenovela sul futuro del portiere rossonero.

notizie sul temaMilan, con le grandi non si vince (quasi mai): Gattuso ha un problemaSqualificati Serie A 29°turno: tre turni per Aina. Multato il MilanMilan, lite Kessiè-Biglia: pace in diretta tv. Ma ora che succede?
  •   
  •  
  •  
  •