Milan, l’Uefa boccia il voluntary agreement. Cessioni illustri in arrivo?

Pubblicato il autore: Andrea Medda Segui


Manca ancora l’ufficialità, ma secondo quanto riportato da La Gazzetta dello Sport, l’Uefa avrebbe bocciato il voluntary agreement rossonero. Il progetto di Li Yonghong, presentato da Fassone a inizio novembre, per rientrare nei parametri non ha convinto la commissione del fair play Uefa. La riunione, prevista nella giornata di domani a Nyon, dovrebbe sancire il “fallimento” del piano proposto dal club di Via Aldo Rossi che prevedeva un congelamento delle sanzioni in caso di un piano convincente per rientrare dai passivi.

A non convincere la commissione del fair play del Uefa, non sembra essere stata tanto la disponibilità economica proveniente dalla Cina,  quanto l’assenza, entro l’8 dicembre, di certezze sul rifinanziamento del debito con il fondo di investimento americano. Operazione a cui Fassone sta lavorando da tempo ma che non avrà rapida risoluzione e non si concluderà di certo entro i tempi pretesi dalla federazione europea. Inoltre, ad aver pesato negativamente nella decisione del Uefa pare sia stata la vastità di opzioni possibili proposte dal Milan. Infatti il nuovo business plan presentato dai rossoneri, è caratterizzato da grande cautela, con scenari piuttosto prudenti e svariate ipotesi di ricavi ottenibili in differenti maniere.

Con ogni probabilità, il Milan sarà sottoposto a sanzioni in caso di qualificazione alle coppe europee. Ci saranno pene e limitazioni che verranno eventualmente decise in primavera. Il pericolo più grande è l’esclusione dalle coppe e la necessità di trovare una soluzione alternativa per far quadrare i conti. Possibili scenari vedranno quindi la cessione di giocatori illustri della rosa rossonera, con Donnarumma e Suso candidati numeri uno a salutare, probabilmente, l’Italia.

Dopo il danno sul campo, con la stagione rossonera che fino ad oggi non è stata all’altezza della sua storia, il Milan incappa quindi anche in un grosso danno di immagine sulla credibilità dell’intera società. La strada per tornare il grande Milan che tutti si aspettano si fa sempre più in salita.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,