Russia 2018, Spagna a rischio esclusione. Villar: “Situazione molto grave”

Pubblicato il autore: Giovanni Esposito Segui

Qualche giorno fa è scoppiata la bomba: la Spagna potrebbe essere esclusa dal Mondiale. Il presidente federale Villar è intervenuto sulla questione e, per le Furie Rosse, non sono buone notizie.

Per Villar è una situazione molto grave. E’ scoppiata la bomba qualche giorno fa ma e adesso filtrano conferme. La Spagna rischia seriamente di essere esclusa dal mondiale di Russia 2018. Ma perché la Spagna rischia? Tutto nasce dall’arresto del presidente della Federcalcio di Madrid, Villar, condannato per appropriazione indebita. Il consiglio Superiore dello Sport, di cui Villar è a capo, vorrebbe che le elezioni fossero ripetute attendendo il parere del Consiglio di Stato ma la Fifa considera questa intromissione una violazione delle regole. A parlare della possibile esclusione della Spagna dal mondiale è proprio il presidente Villar che, furioso, commenta così quello che sta accadendo: ” Il Csd sta facendo in modo che la Federazione non rispetti le leggi, pretende che si annullino le elezioni senza che la legge lo consenta e sarà l’unico responsabile qualora la Spagna restasse fuori dal Mondiale.” La notizia che conferma la possibile esclusione della Spagna ma sperare milioni di tifosi azzurri.

La speranza per gli azzurri. La Federcalcio Spagnola non sta passando giorni tranquilli: nelle prossime ore la Fifa ha chiesto una riunione per valutare la questione insieme ai diretti interessati. Prosegue Villar: “Dobbiamo chiederci perché conflitti di questa natura non avvengono in altri Paesi come la Germania, l’Italia o la Gran Bretagna, dove lo Stato rispetta l’autonomia delle Federazioni. Non credo che tornerò in carcere perché non ho fatto nulla. Anche la mia sospensione è ingiusta, dovrei essere ancora lì a presiedere la Rfef. La situazione è molto grave” Dopo queste parole l’Italia intera spera ancor più concretamente nel ripescaggio ma l’ipotesi, al momento, resta ancora remota.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: