Voluntary Agreement Milan: la Uefa verso il no, decisione ufficiale la prossima settimana

Pubblicato il autore: Lorenzo Solombrino Segui

potrebbe interessarti ancheMilan, Gattuso sotto processo: Higuain non basta ai rossoneri contro l’Atalanta

Ancora problemi per il Milan. Stavolta, però, sono fuori dal rettangolo da gioco che tanto sta facendo penare i tifosi rossoneri. Si tratta dell’esito del Voluntary Agreement chiesto al Uefa una delega per mettere a posto i conti. L’esito pare già averlo rivelato l’Ad Marco Fassone che ha dichiarato recentemente: “La commissione Uefa ci ha fatto delle richieste oggettivamente impossibili da accontentare, per noi come per gli altri“. Parole, seguite ovviamente da secche smentite da parte dei diretti interessati.

potrebbe interessarti ancheMilan, Leonardo critico sulla squadra: “Basta con la mentalità da settimo posto”

Dalla lunga riunione di Nyon tenutasi ieri, infatti, il verdetto sembra presagire ad una risposta negativa. Tocca all’Investigatory Chamber del Club Financial Control Body, l’organo atto a controllare le possibilità che hanno i club di richiedere o meno l’accordo, comunicare la decisione riguardo al futuro finanziario dei rossoneri. Dal punto di vista delle tempistiche, si pensa che la risposta possa essere resa nota la prossima settimana tra lunedì e martedi.
Il tutto, mentre in città sarà presente per la cena di Natale con staff e squadra anche David Han Li, direttore esecutivo e braccio destro del neo presidente Li Yonghong. I vertici dirigenziali si trovano di fronte ad un momento molto delicato per il futuro del club. Il nodo da sciogliere rimane sempre quello del debito verso il fondo Elliot. Scoglio che ha portato anche il Uefa a negare il Voluntary Agreement. Qualcosa, però, sembra muoversi, dato che secondo indiscrezioni si sta intavolando una trattativa con BGB, advisor inglese che con il suo cliente, probabilmente Highbridge, sta pensando se subentrare o meno al fondo.
L’alternativa comunque sarebbe quella di siglare un nuovo accordo, il “Settlement Agreement“, di cui, però, se ne dovrebbe riparlare verso primavera. Tutto ciò comporterebbe che il Milan dovrà attendere una risposta “esterna” riguardo all’eventuale partecipazione ad un coppa europea per la prossima stagione.

notizie sul temaMilan: oltre la difesa c’è di più. I rossoneri durano solo un tempoSerie A top e flop 5.a giornata: spettacolo Napoli, Juventus cinica, Milan il bel gioco non bastaMilan, giochi bene ma non vinci. Gattuso ha ancora tanto lavoro, convince solo il Pipita
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,