Barcellona, Abidal: “Quando ero malato, Messi non voleva che inviassi mie immagini”

Pubblicato il autore: Yuri Lo Stuto Segui


Un eroe dei tempi nostri svela un importante retroscena che riguarda se stesso ed il calciatore più forte del mondo, ovvero Lionel Messi. Il nome del giocatore in questione è Eric che di cognome fa Abidal, colui che ha sconfitto il cancro al fegato. Ex difensore del Barcellona e della Nazionale francese, Abidal si racconta in una a Canal Plus, una televisione del paese d’Oltralpe, svelando dei particolari inediti che riguardano la sua malattia ed il mondo blaugrana che lo ha circondato durante quel periodo così complicato: “Avevo un dolore inesprimibile, come se avessi avuto un coltello che mi si infilava all’interno di una ferita aperta. Sono stati dei momenti davvero terribili, un’esperienza da non ripetere assolutamente; l’unica volta in cui mi sono sentito sollevato è stato quando il dottore che mi curava mi disse che era necessario effettuare un’altra operazione. Io comunque non mancavo dal mandare il mio sostegno alla squadra, ero e sarò sempre un tifoso del Barcellona. Così io prima delle partite inviavo gli auguri ai miei compagni, per far sentir loro la mia vicinanza. Una volta mandai un video prima di un match importante nel quale si vedeva chiaramente quanto fossi dimagrito a causa della malattia. Fu in quel momento che Messi mi disse di non inviare più video di quel genere perché il mio stato fisico faceva deprimere la squadra. Mi disse anche che sembravo un cadavere per come mi muovevo e ciò li ha fatti stare male.”
Successivamente, Abidal ha voluto precisare il senso delle sue parole sul proprio account di Twitter: “Messi mi ha solamente detto che soffriva nel vedermi in quello stato, non ha mai speso parole offensive nei miei confronti.”

  •   
  •  
  •  
  •