Continuano gli “sVARioni”, la nuova tecnologia fa ancora discutere

Pubblicato il autore: Stefano Scibilia Segui


La fatidica VAR continua a creare discussioni all’interno del campionato italiano, con le ultime vicende che hanno riacceso le polemiche legate a questa nuova tecnologia, che sembrerebbe destinata a far discutere ancora per moltissimo tempo. Nel bene e nel male quest’esperimento ha diviso tutti tra chi si dimostra favorevole e chi invece non accetta tale invenzione.

Sicuramente si tratta di un mezzo capace di andare oltre l’occhio umano dell’arbitro, ma la fase sperimentale non è certo stata priva di polemiche, poiché spesso e volentieri i direttori di gara hanno preso decisioni sbagliate anche dopo aver avuto il tempo di visionare e analizzare le varie azioni tramite lo schermo.

Chiaramente quando si parla di nuove invenzioni è chiaro che non è facile entrare in un contesto in cui bisogna abituarsi, specialmente dopo anni di moviole e polemiche legate ai gol e i rigori non concessi, ma l’intento di questo nuovo esperimento è proprio quello di minimizzare al massimo gli errori. Spesso questo tentativo ha funzionato, mentre altre volte ha lasciato ancora qualche perplessità.

Intanto anche in Inghilterra sono stati fatti i primi esperimenti con la VAR e Antonio Conte, allenatore del Chelsea, ha ritenuto di essere favorevole a questa nuova invenzione: “In Italia c’è dall’inizio della stagione e io credo che sia una buona opportunità per migliorare il nostro calcio. Sarà però importante avere un po’ di tempo per testare nel modo giusto questa nuova opzione. Sono favorevole perchè quando c’è un grosso errore, è giusto provare a correggere l’errore. All’inizio in Italia non è stato facile accettare questa novità, ma ridurre i grandi sbagli è importante oltre che giusto”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: