Ventura torna a parlare: “Ci sono tante verità. Voglio allenare”

Pubblicato il autore: Giuseppe Consiglio Segui


Chi non muore si rivede. A tre mesi dalla debacle mondiale contro la Svezia, Giampiero Ventura ha fatto la sua prima uscita pubblica a quasi 3 mesi dalla tragica notte di San Siro. A margine della premiazione nella città di Sarezzano come “Sarezzanese Illustre“, Ventura ha avuto inevitabilmente modo di esprimere la propria versione in merito a quello che non ha funzionato nella sua esperienza alla guida dell’ItaliaLa Nazionale era forse qualcosa più grande di me, ho pagato, anche in maniera abbastanza violenta, l’esclusione dal Mondiale”. Una piccola ammissione di colpa quella di Ventura, che però non esita anche a difendersi: “Nel calcio non si vince e non si perde mai da soli. Non c’è una sola verità e quando tutte verranno fuori tante cose saranno più chiare”. L’ex c.t. azzurro rintraccia anche il momento topico della sciagurata esperienza: La mia avventura sulla panchina dell’Italia è finita un minuto dopo la partita del Bernabeu contro la Spagna“. Tuttavia Ventura non si perde d’animo e vuole ripartire allenando: “Oggi necessito di risposte e voglio darle. Non si possono cancellare 35 anni di carriera con due mesi negativi. Voglio ripartire, allenare, riprendermi questi 35 anni, e per farlo non mi servono di certo polemiche o altro, ma semplicemente risultati sul campo che sono sicuro di poter fare”. E allora, chi si prenderà il coraggio di assumere Giampiero Ventura?

  •   
  •  
  •  
  •