Inter, società infastidita da Spalletti. Il tecnico a rischio esonero senza Champions ?

Pubblicato il autore: Mimmo Visconte Segui
MILAN, ITALY - DECEMBER 16: FC Internazionale Milano coach Luciano Spalletti gestures during the Serie A match between FC Internazionale and Udinese Calcio at Stadio Giuseppe Meazza on December 16, 2017 in Milan, Italy. (Photo by Emilio Andreoli/Getty Images)

Foto originale Getty Images © scelta da Supernews

Nonostante il buon pareggio interno contro il Napoli, mantenendo la porta inviolata come all’andata, acque agitate in casa Inter. Mister Luciano Spalletti è finito sotto accusa per le dichiarazioni critiche nei confronti della sua squadra. “Siamo bravi, ma senza qualità”, questa la frase che non è piaciuta alla proprietà cinese che si dice infastidita dal commento del tecnico fiorentino.

Non sono previsti scossoni, nell’immediato in casa interista ma indiscrezioni di stampa riferiscono che, se a fine stagione l’Inter non dovesse centrare il quarto posto che vale la qualificazione per la prossima Champions League, potrebbe esserci già addio tra Spalletti e i nerazzurri, nonostante un contratto che lo lega al club milanese fino al 30 giugno del prossimo anno.

potrebbe interessarti ancheMercato Juve: preso Favilli, Cancelo si avvicina. Bianconeri fiduciosi per il portoghese

In effetti, interpretando la dichiarazione del tecnico, si evince che la sua strigliata non è rivolta verso i giocatori,  apprezzati per il loro impegno e  la loro professionalità, bensì alla proprietà cinese rea di non aver mantenuto le promesse fatte sul mercato con nomi altisonanti promessi ma mai arrivati. Spalletti aveva chiesto e ottenuto l’ingaggio di Walter Sabatini come uomo mercato. Insieme i due hanno collaborato nella Roma ma il patron Suning ha stravolto i piani tecnici di entrambi.

potrebbe interessarti ancheRonaldo: “Cuper è il peggior allenatore mai avuto. Quella botta tremenda sul petto…”

Per ora Spalletti non si tocca, ma è anche vero che la proprietà cinese non è certo nuova a cambi di allenatore. Proprio i contrasti sul mercato estivo costrinsero Roberto Mancini ad andarsene “sbattendo la porta”. Se si centrasse il quarto posto, con una rosa con tanti limiti, l’attuale tecnico interista sarebbe intoccabile, anche per i tifosi, non è un caso che Spalletti, lo abbia fatto notare, salvo poi smorzare i toni :”Se si fanno tre punti, contro Juventus e Napoli, senza subire gol, vuol dire che c’è qualità, ma la stoccata nel dopo partita conto gli azzurri, ha irritato un pò tutti. Se l’obbiettivo Champions League non dovesse essere centrato, il popolo nerazzurro, si preparerebbe ad un’altra estate di dubbi e incertezze.

notizie sul temaNainggolan all’Inter, c’è il sì del belga. Prima offerta alla Roma: 22 milioni e due giovaniROME, ITALY - MARCH 02: AS Roma President James Pallotta looks on during the Serie A match between AS Roma and Juventus FC at Stadio Olimpico on March 2, 2015 in Rome, Italy. (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)Mercato Roma, Pallotta ironico: “Alisson va al Real Madrid e Nainggolan all’Inter”Cancelo: “Icardi una persona eccezionale. Dov’è finito il Milan dopo le spese folli? Bergomi…”
  •   
  •  
  •  
  •