La Roma torna tra le 8 grandi di Champions League. Dzeko piega lo Shakhtar, festa giallorossa

Pubblicato il autore: giorgia masala Segui
ROME, ITALY - SEPTEMBER 23: Edin Dzeko with his teammates of AS Roma celebrates after scoring the opening goal during the Serie A match between AS Roma and Udinese Calcio at Stadio Olimpico on September 23, 2017 in Rome, Italy. (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

La Roma, dopo 10 anni, torna ai quarti di finale di Champions League grazie all’1-0 nel match di ritorno contro lo Shakhtar Donetsk che ribalta il 2-1 dell’andata.

potrebbe interessarti ancheRoma ko con la Spal: sognare in grande è ancora possibile?

Un primo tempo poco emozionante caratterizzato da un ampio possesso palla dello Shakhtar e da una sostanziale inoperosità di entrambi i portieri.
Dopo i primi minuti passati nella metà campo dello Shakhtar, nei quali Dzeko al primo minuto spreca una possibile palla gol calciando debolmente tra le braccia del portiere, la partita assume la fisionomia che l’ha caratterizzata per tutto il primo tempo: fitta trama di passaggi dello Shakhtar nella propria trequarti con una Roma incapace di portare un efficace pressing alto. Nelle rare occasioni in cui la squadra di Di Francesco è riuscita ad interrompere la stucchevole, ancorchè efficace, manovra degli ucraini, non è riuscita a trovare azioni capaci di impensierire la squadra avversaria. Da segnalare esclusivamente l’insidioso cross di Kolarov, sul quale il portiere Pyatov anticipa di poco l’intervento di Edin Dzeko. Al minuto 32 un errore in disimpegno di Fazio spiana la strada a Ferreyra verso la porta di Allison, ma il difensore riesce a recuperare sulla corsa l’attaccante ucraino costringendolo ad una conclusione sul fondo. Primo ammonito del match Alessandro Florenzi al 39′.

potrebbe interessarti ancheRoma ko con la Spal, bufera social sui giallorossi

In avvio di secondo tempo alla Roma bastano pochi minuti per sbloccare la partita.
Strootman a centrocampo lancia Dzeko in profondità che, con un tocco sotto misura, piazza la palla alle spalle di Pyatov. Cambiano così le dinamiche della partita, lo Shakhtar è costretto ad aprirsi e la Roma ha più spazi per colpire in profondità.
Il vantaggio carica la Roma che, sfruttando gli ampi spazi lasciati dalla squadra ucraina proiettata in avanti, sfiora il raddoppio prima con Dzeko e poi con Gerson, subentrato al 65′ a Under, che invece di calciare di prima con il destro, rientra sul sinistro dando il tempo a Rakitskiy di contrarlo.
Al 79′ lo Shakhtar rimane in 10, Dzeko lanciato in profondità da un maldestro retropassaggio di Fred, viene trattenuto e poi atterrato da Ordets, che interrompe una chiara azione da gol.
All’ 86′ sostituzione Roma, ovazione per Dzeko, autore del 17esimo gol stagionale, quarto gol in Champions League.
Dentro Stephan El Shaarawy. Gli ultimi minuti sono stati di particolare sofferenza per la Roma, all’87’ un intervento irregolare di De Rossi provoca un calcio di punizione poco oltre il limite dell’area di rigore.
La battuta di Patrik si infrange contro la barriera.
Ma non finisce qui, proprio nell’ultimo dei 4 minuti di recupero, lo Shakhtar sfiora il pareggio con un cross di Tayson mancato per pochi centimetri dal neo entrato Dentinho.
Il fischio dell’arbitro fa tornare la Roma tra le prime otto squadre d’Europa.

notizie sul temaRoma-Spal 0-2 (Video Gol Highlights): Petagna e Bonifazi affondano i giallorossiRoma, Zaniolo:” Sono contento di giocare nella Roma. E’ una fortuna, ma ho ancora tanta strada da fare”Roma, Pallotta risponde a Nainggolan: “L’ho amato, io sempre al lavoro per il club”
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: