Pirlo difende Buffon: “Anche io sarei andato fuori di testa a Madrid”

Pubblicato il autore: Luciano Nervo Segui

Gianluigi Buffon – Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

Il prossimo 21 maggio Andrea Pirlo disputerà la partita in cui darà il definitivo addio al calcio giocato a San Siro. Durante la presentazione di questo match è stata richiesta una sua opinione in merito al pandemonio scoppiato mercoledì sera in occasione del quarto finale di Champions League tra Real Madrid e Juventus, che ha visto la compagine torinese uscire sconfitta, a causa di un rigore su cui si sta discutendo tutt’ora, concesso all’ultimo respiro. Pirlo difende Buffon: “Gigi a caldo avrà anche esagerato a parlare di crimine contro l’umanità sportiva, ma va capito. Era la sua ultima partita in Champions League e sperava di vincerla. Un rigore così dubbio dopo aver disputato una partita del genere al Bernabeu fa saltare i nervi”

Ma il rigore c’era o no? Il “maestro” risponde: “Il rigore del Real Madrid può anche starci, ma l’arbitro in certe situazioni può evitare di darlo. Un arbitro un po’ più furbo sorvola e manda tutti ai supplementari. Io sarei andato fuori di testa”

potrebbe interessarti ancheMercato Juventus, Marotta punta un ex viola per la difesa. Higuain tra Chelsea e Milan

Ora come reagirà l’ambiente Juventus? : “Questa eliminazione non avrà ripercussioni, la delusione rimane ma dopo qualche giorno passerà e la Juventus penserà al campionato e alla Coppa Italia. Per chi tiferò in finale? Sono ambasciatore della finale, tra Milan e Juventus non posso avere preferenze”

Pirlo ha voluto però anche commentare la parte più bella di questa settimana per il calcio italiano, l’eliminazione del Barcellona da parte di un’emozionante Roma: “Ho visto i giallorossi allo stadio e ho assistito a questo spettacolo. E’ stata una serata fantastica, mi sono sentito tifoso della Roma anch’io, un risultato così importante neanche il romanista più accanito lo avrebbe pensato. Sono contento della vittoria che hanno fatto e magari andrò a vedere la semifinale. Dove può arrivare la Roma? Fino in fondo, ci devono credere, sono rimaste in 4 e devono puntare ad arrivare fino in fondo“.

potrebbe interessarti ancheJuventus, Ziliani attacca Dybala:”Somiglia a CR7 solo per la perdita del padre”

Ha ampliato poi il discorso analizzando l’attuale situazione del calcio italiano, non senza un’attitudine positiva :” Siamo abituati a far sì che gli altri siano sempre più bravi e noi meno bravi, è normale che dopo la mancata qualificazione al Mondiale ci sia disfattismo, ma c’è da ripartire, da ricostruire e c’è il tempo per poterlo fare, ci sono i giocatori da cercare, e un po’ alla volta si può fare un buon lavoro”

Per quanto riguarda il match celebrativo dedicata a lui, intitolata non a caso “La Notte del Maestro”, Pirlo chiuderà definitivamente la sua carriera da giocatore dopo aver terminato la sua ultima parentesi in America, dove ha indossato la maglia azzurra del New York City per quasi due anni ( che gli ha addirittura dedicato una giornata, tutta in suo onore, l'”Andrea Pirlo Day”, il 6 dicembre). Di questa celebrazione al momento si sa solo che una squadra sarà composta dai campioni del mondo del 2006, comprendendo ovviamente anche Andrea, mentre l’altra squadra è ancora tutta un mistero, che sarà svelato un po’ alla volta nei prossimi giorni/settimane. “Dopo andrò in vacanza, e dopo ancora avrò tempo per decidere, non ho fretta di pensare a cosa dovrò fare”

notizie sul temaCalciomercato Juventus, il Manchester City in pressing su Pjanic: pronti 100 milioniMercato Inter, il Real Madrid piomba su Icardi: offerti 110 milioniJuventus, Pogba e il possibile ritorno in bianconero. Pjanic il sacrificato?
  •   
  •  
  •  
  •