Douglas Costa: assist, dribbling e gol, la Juventus si gode il suo top player

Pubblicato il autore: Mimmo Visconte Segui

E

potrebbe interessarti ancheCarlo Alvino, frecciata a Juventus e Udinese: “Con il Napoli, i friulani venderanno la pelle”

Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

‘ arrivato la scorsa estate in prestito con diritto di riscatto dal Bayern Monaco, opzione che viste le sue prestazioni in campo, la Juventus farà senz’altro valere a fine stagione. Il centrocampista esterno brasiliano, ieri pomeriggio ha letteralmente trascinato alla vittoria i bianconeri, nella partita casalinga contro la Sampdoria, con tre assist decisivi, che hanno fruttato altrettante reti. La sua più grande dote tecnica però, è il dribbling, con una grande rapidità nel saltare l’uomo e crearsi lo spazio, per servire i compagni. Vedendo le sue giocate, si può parlare con pochi dubbi dell’acquisto più azzeccato, del calciomercato estivo dei torinesi, anche per la sua velocità palla al piede, capace di rendere piacevole, il gioco di una squadra, ritenuto non sempre piacevole da tifosi e addetti ai lavori. C’è chi lo paragona a Pavel Nedved, attuale vicepresidente della società bianconera, avendo anche militato da giocatore. Il diretto interessato, pare non curarsi tanto degli elogi, però le giocate e sopratutto le statistiche riscontrate finora sono dalla sua parte. 25 presenze e tre reti, al suo primo anno nel campionato italiano. Nel 43% delle partite della Juventus 2017/2018, ha giocato titolare, ma in quel 34% da subentrato ha dato il suo contributo in maniera determinante, come quando ieri i bianconeri non riuscivano a sbloccare il punteggio. I suoi minuti complessivi giocati, sono 1408, ma c’è un fattore che forse lo accomuna a Nedved oltre che al ruolo, un ambientamento un pò zoppicante ad una nuova squadra, e poi l’esplosione graduale. Va detto però che il suo predecessore Ceco, quando varcò la soglia della Torino bianconera, conosceva benissimo la Serie A, avendo giocato nella Lazio, per quattro stagioni. Per Douglas Costa viste le presenze totalizzate. ora il diritto di riscatto del cartellino, diventerà Obbligo ricordando che la dirigenza juventina nel luglio scorso ha già speso 6 milioni di euro, per il prestito oneroso, ma ora non dovrebbe avere problemi a sborsare i 40 milioni restanti, in modo da far diventare il centrocampista carioca, un perno imprescindibile per le caratteristiche di gioco di mister Massimiliano Allegri, ammesso che il tecnico toscano decida di continuare a guidare la Juventus, anche nella prossima stagione.

potrebbe interessarti ancheJuventus-Genoa: il “pistolero” Piatek è pronto a sparare ancora

Il difetto più grande di Douglas Costa, sono i pochi gol realizzati in carriera, infatti nonostante un ruolo di centrocampista offensivo la sua media realizzativa nei tre campionati nei quali ha militato è molto bassa, ma per il resto sia nello Shakthar Donestk che nel Bayern Monaco i trionfi delle due squadre in campionato e coppa nazionale, hanno portato la sua determinante impronta. Douglas Costa ora è pronto per il tris, Napoli, permettendo, anche in Europa, la sua esperienza nonostante la sua ancora giovane età 28 anni ancora da compiere, e le sue doti sono state importantissime sia a Londra, ma sopratutto a Madrid, nonostante il beffardo esito, del match del Santiago Bernabeu, dove la sua velocità e intraprendenza hanno fatto la differenza. Per questo è considerato un Top Player nel suo ruolo, che la “Vecchia Signora” non è intenzionata a lasciarsi scappare, tanto facilmente. Lo straordinario gol nel derby di Coppa Italia contro il Torino nel gennaio scorso, per bellezza, importanza e significato, lo hanno reso un beniamino dei tifosi.

notizie sul temaJuventus, Allegri:” Il campionato di serie A è duro ma non noioso. Dybala ci sarà, riposa Chiellini”Laura Giuliani, la donna ragno dagli occhi di ghiaccio: Juventus e Italia sono in mani sicureJuventus U23-Arezzo 3-1 (Video Gol Highlights Serie C): bianconeri si impongono nella ripresa
  •   
  •  
  •  
  •