Certi amori non finiscono, Morata sogna ancora la “sua” Juventus

Pubblicato il autore: Cosimo Commisso Segui
beppe-marotta-juventus-calciomercato

Foto Getty Images© selezionata da SuperNews

Il primo amore non si scorda mai. I brividi, le sensazioni, le emozioni rimangono impresse nella mente anche a distanza di anni e accompagnano per tutta la vita. Nonostante il sentiero scelto non coincida e le vicissitudini siano tante e contrastanti, sembra ci sia un braccio invisibile che permetta di non spezzare il fortissimo legame creato. Poi all’improvviso, come nelle migliori favole, una leggera carezza trasportata da un filo di vento alimenta la nostalgia e nulla appare più impossibile. La Juventus prende per mano Alvaro Morata nell’estate del 2014, anno in cui il giovane calciatore spagnolo termina la sua avventura nel settore giovanile e cerca di mettersi in mostra nel complicatissimo mondo del Real Madrid. Il ragazzo, appena ventunenne, ha il viso pulito di chi ha da poco concluso la scuola e i capelli gellati da gentiluomo. A “dispetto” dell’aspetto, Alvaro è determinato e fa a sportellate con i difensori avversari quasi come un veterano, attirando l’attenzione di un certo Beppe Marotta.
L’approdo a Torino è immediato, ma Massimiliano Allegri preferisce gestire l’inserimento del nuovo arrivato e non lo inserisce nelle rotazioni iniziali. Da Gennaio 2015 la carriera dello spagnolo prende un’impennata pazzesca, impreziosita dalla splendida cavalcata della Juventus fino alla finale di Berlino. Reti su reti, l’intesa straordinaria con Tevez, la vittoria dello scudetto, i sorrisi di Dortmund e Madrid e anche le lacrime per il sogno Champions mancato. Morata diventa un punto di riferimento nello spogliatoio e si trova in sintonia con tutto il gruppo. Buffon e la vecchia guardia gli fanno la chioccia, amano la sua professionalità e lo aiutano ad abbattere la timidezza. Il popolo bianconero lo adora.

La “recompra” ed il ritorno in Spagna, poi l’approdo a Londra

potrebbe interessarti ancheCalciomercato Juventus, Paratici nel mirino del Manchester United

Il contratto che lega Morata alla Juventus è di quelli che lasciano l’amaro in bocca. Il Real Madrid, secondo una clausola specifica, avrebbe potuto riacquistare Morata versando un conguaglio di 30 milioni di euro nelle casse bianconere. Florentino Perez, intravedendo le enormi potenzialità del calciatore, esercita il diritto alla fine della stagione 2015-2016 e riporta Alvaro a Madrid. Quest’ultimo ha sentimenti contrastanti: da un lato pensa al rapporto instaurato coi compagni, dall’altro vorrebbe realizzare il sogno di diventare una leggenda del Real. Il giocatore ha ormai acquisito maturità ed è sicuro dei propri mezzi, ma trascorre l’anno successivo a guardare Benzema e Ronaldo, i quali monopolizzano l’attacco dei blancos.
Zidane non lo vede proprio e ciò non fa che alimentare il malumore dell’attaccante. La stagione si conclude e molti club vorrebbero scommettere su un Morata in uscita, ma il più lesto è il Chelsea di Antonio Conte che versa 80 milioni nelle casse madrilene e se ne assicura le prestazioni. Quella che pare avere tutti i connotati di una svolta si trasforma, ahimè, in un’altra delusione. Alvaro compone un tridente da favola con Hazard e Willian, ma i rimproveri dell’allenatore italiano sono superiori rispetto ai suoi gol segnati. Quest’ultimo lo tiene in panchina nella sfida decisiva contro il Barcellona e spesso gli preferisce il neo-acquisto Olivier Giroud. Uno degli investimenti più onerosi nella storia del Chelsea, dunque, si rivela un mezzo flop.

E se fosse nuovamente Torino la meta ideale?

potrebbe interessarti ancheCalciomercato Juventus, assalto Real Madrid per Pjanic. Kean verso il Monaco

In questi giorni sta rimbalzando la notizia di un clamoroso ritorno di Alvaro Morata alla Juventus. Il giocatore non ha trovato spazio in Spagna e non si è integrato al meglio in Inghilterra, quindi gradirebbe volentieri la destinazione. La società bianconera, dal canto suo, non ha mai nascosto l’amarezza provata il giorno del trasferimento dello spagnolo, nonostante l’imminente arrivo di Gonzalo Higuain. Le perplessità sul rendimento dell’attaccante potrebbero esser risolte facendo leva sulle motivazioni del giocatore, che non ha tutte le colpe del flop dell’ultima stagione. Il Chelsea si è classificato in quinta posizione in Premier, dimostrando di essere una lontana parente della schiacciasassi dell’anno prima e possiede inoltre la fama di “brucia-giocatori” (vedi Salah). La formula del trasferimento potrebbe essere quella del prestito oneroso, la stessa che ha legato Douglas Costa alla Juventus. Al momento Marotta non si pronuncia, ma un’occasione del genere sarebbe troppo ghiotta per non approfittarne.

notizie sul temaIl debutto di Cristiano Ronaldo con la Juve: Pistocchi attacca i media, Ziliani se la prende con John ElkannJuve A-Juve B 5-0: 1° goal in bianconero di Cristiano Ronaldo e partita sospesa per invasione (Video Goal)ZURICH, SWITZERLAND - MARCH 23: #7 Cristiano Ronaldo of Portugal looks on during the International Friendly between Portugal and Egypt at the Letzigrund Stadium on March 23, 2018 in Zurich, Switzerland. (Photo by Robert Hradil/Getty Images)Juventus, Ziliani show polemico su Twitter:”Udinese succursale juventina. Cristiano Ronaldo si è innamorato di Esnaider”
  •   
  •  
  •  
  •