Milan, Donnarumma svalutato ed Europa League in bilico. Gattuso: “Preoccupato per il contraccolpo”

Pubblicato il autore: Ivan Aiello Segui
FLORENCE, ITALY - DECEMBER 30: Manager of AC Milan Gennaro Gattuso gestures during the serie A match between ACF Fiorentina and AC Milan at Stadio Artemio Franchi on December 30, 2017 in Florence, Italy. (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

Foto Getty Images © scelta da SuperNews

E’ un Gennaro Gattuso sconsolato e profondamente amareggiato quello che parla in conferenza stampa dall’Olimpico dopo la finale persa contro la Juventus.

Sul banco degli imputati, neanche a dirlo, c’è il giovane portiere Gigio Donnarumma, protagonista in negativo del secondo tempo a tinte horror dei rossoneri.

Due errori clamorosi in soli 7 minuti (il primo sul tiro di Douglas Costa al 64′ per il secondo gol della Juventus, il secondo su Benatia per il tris bianconero al 71′) hanno spianato la strada alla Juventus per la conquista della quarta Coppa Italia consecutiva.

potrebbe interessarti ancheMercato Milan, Bacca non vuole tornare: il colombiano vuole solo il Villarreal

Argomento caldissimo del calciomercato della scorsa estate, con quotazioni e contratti da capogiro considerato i suoi soli 18 anni, inevitabilmente, oggi, si accendono le polemiche sul reale valore del ragazzo, considerato fino a pochissime ore fa come il naturale erede dell’altro Gianluigi nazionale.

Non riesco a darmi spiegazioni degli errori, ma abbiamo perso tutti insieme. Non abbiamo perso per gli errori di Gigio” sono le considerazioni a caldo su Donnarumma da parte di Rino Gattuso, visibilmente preoccupato per il contraccolpo psicologico che questa pesante debacle può comportare non solo al numero 1 rossonero ma all’intera squadra impegnata nel rush finale per un piazzamento in Europa League.

potrebbe interessarti ancheMilan, Fassone tranquillizza i tifosi:”Faremo acquisti anche senza Europa”

C’è preoccupazione, questo risultato negativo può incidere mentalmente. Bisogna subito reagire“, commenta Gattuso pensando al finale di stagione e sempre sull’aspetto psicologico del momento continua: “Devo fare ora un grande lavoro sui giocatori, ci dobbiamo guardare in faccia, ora per 180 minuti non dobbiamo buttare quello che di buono abbiamo fattoDobbiamo tirare fuori il massimo con l’Atalanta che sta bene fisicamente, pure la Fiorentina esprime un grande calcio”.

 

notizie sul temaMilan, Pato non esclude il ritorno: “Non potrei dire no ai rossoneri”Milan, giorni contati per Yonghong Li? 29 anni dopo l’Europa non è più rossoneraMilan, che caos: tutti i big sul mercato. Malumori tra Fassone e Yonghong Li
  •   
  •  
  •  
  •