Roberto Mancini nuovo c.t. della Nazionale. Lo Zenit lo libera e pensa a Sarri per sostituirlo

Pubblicato il autore: Mimmo Visconte Segui

Roberto Mancini – Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

Nei prossimi giorni dovrebbe essere ufficializzato l’accordo tra la FIGC Roberto Mancini. L’oramai ex allenatore dello Zenit S.Pietroburgo diventerà il nuovo commissario tecnico degli azzurri dopo la gestione ad interim di Gigi Di Biagio.

potrebbe interessarti ancheCagliari e la Nazionale ai piedi di Barella. Fenomenologia di un campione umile.

L’accelerata all’approdo di Mancini sulla panchina dell’Italia si è avuta con la rescissione tra il tecnico e lo Zenit San Pietrobugo, ora alla ricerca di un sostituto. Allo Zenit non dispiacerebbe avere ancora un tecnico italiano sulla sua panchina e Sarri sarebbe il candidato ideale e qui entra in gioco il Napoli. E’ ancora incerto il futuro dell’allenatore partenopeo, il quale non ha ancora trovato l’intesa per il prolungamento con De Laurentiis. I due si incontreranno la prossima settimana per discutere le richieste economiche del tecnico toscano, ma anche per parlare della  campagna di rafforzamento del club con Sarri che vorrebbe adeguati rinforzi per tentare un nuovo assalto al Tricolore. I russi non avrebbero alcun problema a pagare la clausola rescissoria contrattuale di 8 milioni di euro che scadrà alla fine di questo mese. Da valutare la volontà del diretto interessato. Al momento, infatti, sembra difficile che Sarri possa trasferirsi in Russia, seguendo l’esempio dello stesso Mancini e di Spalletti, vincitore di due scudetti in Russia proprio con lo Zenit.

potrebbe interessarti ancheMondiali Ciclismo Innsbruck 2018: le liste dei convocati di tutte le nazionali

notizie sul temaRanking FIFA settembre 2018: Francia e Belgio prime a pari merito. Brasile terzo, Italia ventesimaIlaria D’Amico, gaffe sulla Champions League: “In finale vedo il Chelsea”, ma Sarri non partecipaBarella, El Shaarawy, Parolo e altri: Mancini si ricrederà? L’Italia si può destare
  •   
  •  
  •  
  •