Francia campione del mondo, ondata razzista sui social “Ha vinto l’Africa”

Pubblicato il autore: Stefano Salamida Segui

Kylian Mbappe – Foto Getty Images© selezionata da SuperNews

Francia Campione del Mondo. E’ questo il verdetto della finale di Mosca. I transalpini guidati da Didier Deschamps hanno travolto la Croazia di Zlatko Dalic per 4-2, nonostante l’ottima partita disputata dai croati. La Francia, giovane e spietata, è riuscita a contenere gli attacchi dei croati, riuscendo, nel momento più delicato del match, a demolire l’avversario grazie alle giocate pazzesche di Pogba e Mbappè in occasione del terzo e del quarto gol. Tutto il mondo avrebbe voluto un finale di Mondiale diverso con la rivelazione Croazia vincitrice del torneo, ma, non è andata così. E mentre tutta la Francia festeggia, i social network italiani sono invasi da commenti non proprio amichevoli nei confronti dell’eterna rivale. Non è di certo un segreto che tra i transalpini e l’Italia non scorra buon sangue, ma quando c’è di mezzo il razzismo diventa tutto molto triste.

Su Facebook, Twitter e Instagram, infatti, dopo pochi minuti dalla fine del match, sono spuntati messaggi razzisti nei confronti della nazionale francese, denunciando il fatto che, molti giocatori presenti nella rosa di Deschamps, siano di colore, naturalizzati e con chiare origini africane. I commenti più rilevanti sono del tipo:”L’Africa ha vinto il Mondiale” oppure “Possono avere la cittadinanza francese, ma sempre africani restano” e così via.

potrebbe interessarti ancheItalia-Francia 1-0 (Video Gol Highlights): Strada porta gli azzurri in semifinale alle Universiadi

Gli insulti razzisti provengono dal fatto che molti giocatori hanno origini africane: Mandanda, Kimpembe e N’Zonzi (Congo), Pogba (Guinea), Mbappé e Umtiti (Camerun), Tolisso (Togo), Matuidi (Angola), Kanté e Sidibé (Mali) e Fekir (Algeria). Una parentesi veramente vergognosa che nel 2018 non dovrebbe nemmeno verificarsi. Fortunatamente è solo una minoranza, ma questo ci fa riflettere su quanto ci sia ancora da lavorare per superare questi orrendi pregiudizi e proseguire sulla strada verso l’integrazione.

potrebbe interessarti anche9 luglio 2006, il rigore di Grosso e Italia Campione del Mondo (video)

 

notizie sul temaJuventus e Napoli duellano per il nuovo MbappeJuventus su Samuel Umtiti se salta De LigtL’Equipe rivela: “Neymar è una grande bugia”
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: