Mondiali, Djokovic fa il tifo per la Croazia. Un politico serbo gli risponde: “Vergognati”

Pubblicato il autore: fabricondo Segui
PARIS, FRANCE - MAY 28: Novak Djokovic of Serbia plays a forehand during the mens singles first round match against Rogerio Dutra Silva of Brazil during day two of the 2018 French Open at Roland Garros on May 28, 2018 in Paris, France. (Photo by Clive Brunskill/Getty Images)

Novak Djokovic – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Se tifi Croazia, ma sei Serbo, ti tirano le pietre. Se poi ti chiami Novak Djokovic ti becchi gli aspri rimproveri di un politico, perché quelli sono sempre in prima fila quando si tratta di fare belle figure e lasciare spazio all’eleganza e alla diplomazia. Si fa per dire ovviamente. Fatto sta che il grande tennista, durante una pausa di Wimbledon dove ha raggiunto le semifinali, ci ha tenuto a far sapere che dopo l’uscita della sua Serbia  ai Mondiali di calcio in Russia tifa Croazia. Dichiarazione destinata a far discutere – e non c’è bisogno di spiegare il perché – ma da qui a bacchettare duramente un campione ed una gloria nazionale ce ne passa.

Ma qual è la frase che ha scosso l’orgoglio nazionalista di Vladimir Djukanovic, membro del partito populista serbo “Progressive Party”? Ad una domanda precisa su chi avrebbe tifato ai Mondiali dopo l’eliminazione della Serbia, Djokovic ha risposto: “Sostengo la Croazia. So che mi farebbe piacere vederli sollevare il trofeo”. Non solo. A marzo aveva postato una foto su Instagram insieme a Modric e Rakitic, scrivendo: “Felice di incontrare simpatici ragazzi e grandi calciatori della squadra nazionale croata”. Apriti cielo! Djukanovic se l’e presa a morte a ha pubblicato un video, diffuso prima della sfida con la Russia, in cui afferma che “solo gli idioti possono sostenere la Croazia”. E questo è solo il preambolo.

potrebbe interessarti ancheNovak Djokovic voleva ritirarsi lo scorso aprile, lo rivela Filippo Volandri!

Poi è cominciato lo show vero e proprio, fiato alle trombe: “Novak non ti vergogni? Ripeto: tutti quelli che sosterranno la Croazia contro la Russia sono psicopatici e pazzi, maturi per essere internati in asilo”. Come direbbe la Gialappa’s Band, tutto questo è andato veramente in onda. Proseguiamo. “Djokovic è un eroe nazionale e lo ringrazio per questo (meno male), ma come puoi sostenere la Croazia, non ti vergogni?”. E poi il gran finale, dove esce fuori la caratura del politico: “Molti serbi della Krajina – regione della Croazia dove i Serbi erano in maggioranza – tifano per lui e Djokovic che fa? Sostiene il Paese che li ha cacciati via”.

potrebbe interessarti ancheFinale Russia 2018: ha vinto il migliore, peccato…

Non è dato sapere cosa accadrà ora che la Croazia ha addirittura raggiunto la finale e quindi “rischia” di vincere la Coppa del Mondo, che sarebbe uno smacco per la Serbia. Da che parte si schiererà Nole, a questo punto, è fuori di dubbio. E non è certo solo. I primi sondaggi sul web dimostrano che la stragrande maggioranza dei tifosi neutrali sarà al fianco dei croati contro la favoritissima Francia. Wimbledon è certamente il primo pensiero di Djokovic, che vuole a tutti i costi conquistare la finale. Per ironia della sorte la partita di Mosca si giocherà domenica pomeriggio, in coincidenza con l’appuntamento più atteso del tennis mondiale. Diviso tra il tifo per Djokovic e il risentimento nei suoi confronti per la “questione croata”, Djukanovic magari spera che Nole sia in campo mentre in Russia si assegna la Coppa del Mondo di calcio. Hai visto mai che fosse lui il vero portafortuna della nazionale di Dalic? Ma questo lo scopriremo al prossimo video…

notizie sul temaLuka Modric eletto miglior giocatore dei Mondiali 2018, magra consolazione per il croatoFrancia-Croazia, ovvero come si vince il Mondiale “senza faticare”Francia-Croazia 4-2 (Video Gol finale Mondiali 2018): Transalpini Campioni del Mondo venti anni dopo
  •   
  •  
  •  
  •