Mondiali, i Top e i Flop delle semifinali

Pubblicato il autore: chris4910 Segui
KALININGRAD, RUSSIA - JUNE 16: Luka Modric of Croatia celebrates with teammates after scoring a penalty for his team's second goal the 2018 FIFA World Cup Russia group D match between Croatia and Nigeria at Kaliningrad Stadium on June 16, 2018 in Kaliningrad, Russia. (Photo by Alex Livesey/Getty Images)

Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Il campionato mondiale di Russia 2018 stanno volgendo al termine. Dopo le semifinali, che hanno visto trionfare la Francia di Didier Deschamps e la Croazia di Zlatko Dalic ai danni, rispettivamente, del Belgio di Roberto Martinez e dell’Inghilterra di Gareth Southgate, vediamo anche in questo caso chi sono stati i giocatori che sono risultati i migliori in campo delle rispettive compagini e quelli, invece, che maggiormente non hanno dato un apporto sufficiente alle loro nazionali.

TOP

3) Samuel Umtiti
E’ lui l’eroe, inaspettato,  della Nazionale Francese. Il suo mondiale era cominciato non benissimo, con il fallo di mano nella prima partita contro l’Australia, che è costato il momentaneo pareggio contro i “Kangaroos”, graziato solamente dal vantaggio successivo dei transalpini. Poi, torneo in crescendo per lui, che con Varane forma una coppia difensiva davvero solida. Fino alla semifinale, quando ha deciso di rendersi protagonista in maniera ancora migliore, con quello stacco di testa, sovrastando Fellaini – non uno qualunque – ed insaccando alle spalle dell’incolpevole Tibaut Courtois.

potrebbe interessarti ancheDa Alisson a Ronaldo, passando per Neymar: la TOP 11 degli acquisti più cari

2) Kylian Mbappe
E’ sicuramente uno dei giocatori più importanti di questo mondiale, uno di quelli che maggiormente si è messo in mostra. Sicuro di sé, anche sfrontato in alcune circostanze, fornisce una prestazione al top: dribbling, passaggi precisi, ed anche un colpo di tacco geniale per liberare al tiro Olivier Giroud, conclusione poi respinta da Courtois. E’ nata sicuramente una stella, e se vincesse il mondiale, sarebbe il candidato numero uno anche per la vittoria del prossimo Pallone d’Oro.

1) Ivan Perisic
Che partita, quella dell’esterno dell’Inter. Nel primo tempo gioca una partita quasi anonima, non riuscendo a duettare in maniera efficace con gli esterni bassi croati e con i suoi compagni nel reparto offensivo. Poi, nella ripresa sale in cattedra in maniera clamorosa: prima firma una rete spettacolare, con una spaccata in area ad anticipare Walker. Poi colpisce il palo con una conclusione di sinistro, e va vicino alla rete anche in un’altra occasione. Nel secondo tempo supplementare, infine, fornisce anche l’assist a Mario Mandzukic per lo storico passaggio in finale della Nazionale Croata.


FLOP

potrebbe interessarti ancheCalciomercato Inter: Brozovic e Perisic rinnovano? Continua il pressing su Vrsaljko

3) Ivan Strinic 
E’ il peggiore della nazionale croata. Va spesso in difficoltà sulla corsia sinistra, venendo saltato più volte dagli attaccanti inglesi. Nella ripresa, con l’ingresso di Marcus Rashford, va ancor più in difficoltà, e di fatti viene sostituito dal tecnico Dalic con Pivaric, il quale entra subito bene in partita. Chissà se nella finale contro la Francia il c.t. Dalic punterà ancora sulla sua esperienza, oppure darà una possibilità da titolare proprio a Pivaric.

2) Jan Vertonghen 
Dopo aver fronteggiato Douglas Costa nei quarti di finale contro il Brasile, nella partita contro la Francia ha di fronte un certo Kylian Mbappe, che gli regala una serata da incubo. Saltato con costanza dal giovane attaccante francese, Vertonghen ricorre spesso al fallo, venendo graziato in più di un’occasione dal direttore di gara, tranne che nel finale, quando rimedia comunque un cartellino giallo dopo l’ennesima infrazione.

1) Moussa Dembele 
Il peggiore in campo nella semifinale Francia-Belgio. Viene schierato titolare nella mediana belga, ma non riesce a dare l’apporto sperato. Lento e macchinoso, viene superato costantemente dagli avanti francesi e non regge il confronto con la mediana di Deschamps. Nella ripresa viene sostituito quasi subito dall’allenatore Roberto Martinez, che gli preferisce Dries Mertens per cercare di recuperare una partita, che però alla fine è stata comunque persa. Un buon mondiale per Dembele (uno dei giocatori più coinvolti nel calciomercato di questa sessione estiva), ma nel momento più importante non riesce a dare il suo solito apporto alla squadra.

notizie sul temaMondiale 2018: la vittoria della Francia multietnicaLa favola di N’Golo Kante: dalla terza serie francese a campione del mondo!Finale Russia 2018: ha vinto il migliore, peccato…
  •   
  •  
  •  
  •