Croazia, Mandzukic dice addio: “Il momento di lasciare per me è ora”

Pubblicato il autore: Alessio Prastano Segui

Foto Getty Images© selezionata da SuperNews

Trascorso un mondiale pieno di colpi di scena, è il momento dei saluti per molti che hanno rappresentato la propria Nazione in Russia. Cosi, dopo gli spagnoli Gerard Pique e David Silva, tra le file della Croazia, Mario Mandzukic dice addio: “Il momento di lasciare per me è ora“. L’attaccante della Juventus lascia la maglia a scacchi bianco – rossa dopo 14 anni e 89 gare disputate e 33 reti realizzate in Nazionale maggiore.

Quello del gigante croato è un addio dalle parole romantiche, che solo i più duri sanno esprimere nei momenti che contano. Lascia un lungo messaggio su Instagram, spiegando che “queste parole sono molto difficili. Tuttavia so che è il momento giusto per farlo. Lascio la Nazionale croata“.
Mandzukic porta con sé la gioia della cavalcata mondiale, terminata con la conquista del secondo posto, dopo la sconfitta nella finale di Mosca subita dalla Francia campione del Mondo, ma soprattutto il ritorno a Zagabria, dove la Nazionale croata è stata accolta da un popolo in festa.

potrebbe interessarti ancheMandzukic infortunio alla caviglia: il croato salta Manchester United-Juventus

Ecco il messaggio completo che l’attaccante della Juventus ha postato su Instagram: ” Cari tifosi, mi è sempre piaciuto parlare in campo piuttosto che fuori. Pertanto, queste parole sono un po’ più difficili di quanto sia stato per me fermare un avversario o correre per 120 minuti. Più difficile, perché so quanta felicità mi portano tutti gli incontri, le partite e le vittorie. Più difficile, perché so quanto sia emozionante ascoltare il nostro inno prima della partita. Più difficile, perché so quale onore è vestire la maglia croata e rappresentare il tuo Paese. Più difficile, perché so che questa è veramente la fine. Eppure, so che è il momento giusto per queste parole. Per quanto l’argento mi riempia di nuove energie, mi è stato più facile prendere questa decisione impossibile. Abbiamo vissuto i nostri sogni, abbiamo sentito l’incredibile amore dei fan e sfiorato un successo storico. Questo mese, cosi come l’arrivo a Zagabria, Slavonski Brod e in tutta la Croazia, rimarrà il ricordo più importate della mia carriera. E’ stato il viaggio più bello con la squadra e il miglior ritorno a casa. Sono felicissimo, orgoglioso dell’argento per cui abbiamo sofferto anni, attraverso un sacco di sforzi, fatica, delusione e momenti pesanti. Non c’è il momento ideale per lasciare. Se potessi, credo che giocherei per la Croazia finché sarei in vita perché non c’è orgoglio più grande. Ma sento che il momento di lasciare per me è ora. Ho fatto del mio meglio per dare il mio contributo al più grande successo del calcio croato. 14 anni fa, per la prima volta, da giovane ragazzino, indossavo una divisa sacra. Da allora ho incontrato, giocato e lavorato con molti compagni di squadra, allenatori e persone. Abbiamo tutti avuto lo stesso obiettivo: dare tutto per il successo della Croazia. Ringrazio tutti, perché in quale modo hanno lasciato un segno nella mia carriera. Lungo la strada con me, ci sono stati tutti i miei migliori amici e li ringrazio per il loro grande sostegno. E infine, grazie ai tifosi. Nessuno di noi è perfetto. Ho sbagliato goal, ho perso la palla o non ho capito. Ma ho sempre dato tutto e ho lasciato il cuore in campo. Grazie per averlo riconosciuto ed essere vicini a me e alla squadra. Da oggi, sarò insieme a voi, tra i più importanti tifosi croati“.

Dragi navijači, uvijek sam više volio govoriti na terenu nego izvan njega. Stoga mi i ove riječi dolaze malo teže nego što mi je bilo uklizati protivniku ili istrčati sprint u 120. minuti. Teže, jer znam koliko radosti mi donose sva okupljanja, utakmice i pobjede. Teže, jer znam da je slušanje Lijepe naše prije utakmice najveća emocija. Teže, jer znam kakva je čast obući hrvatski dres i predstavljati svoju zemlju. Teže, jer znam da je ovo konačno i da nakon ovih riječi više nema povratka. Pa ipak, znam da je vrijeme baš za te riječi… Opraštam se od hrvatske reprezentacije. Koliko god me srebro napunilo novom energijom, ujedno mi je olakšalo ovu nemoguće tešku odluku. Doživjeli smo svoj san, napravili povijesni uspjeh i pritom osjetili nevjerojatnu ljubav navijača. Tih mjesec dana, kao i dočeci u Zagrebu, Slavonskom Brodu i cijeloj Hrvatskoj, ostat će najvažnija uspomena moje karijere. Bilo je to najljepše putovanje s reprezentacijom i najdraži povratak kući. Presretan sam, ispunjen i do neba ponosan na to srebro koje smo kovali godinama, kroz puno muke, truda, rada, razočaranja i teških trenutaka. Nema idealnog trenutka za odlazak. Da možemo, vjerujem da bismo svi nastupali za Hrvatsku dok smo živi jer većeg ponosa nema. No, osjećam da je za mene taj trenutak sada. Da sam dao najbolje od sebe, da sam dao doprinos najvećem uspjehu hrvatskog nogometa. Prije 14 godina, prvi puta sam kao juniorski reprezentativac obukao sveti dres. Od tada sam upoznao, igrao i radio s puno odličnih suigrača, izbornika, trenera i ljudi oko reprezentacije. Svi smo imali isti cilj – dati sve za uspjeh Hrvatske. Zahvaljujem svima, jer je svatko na neki način ostavio trag u mojoj karijeri. Na tom putu sa mnom su uvijek bili moji najbliži, kojima zahvaljujem na velikoj podršci. I na kraju, hvala navijačima. Nitko od nas nije savršen. Promašivao sam prilike, gubio lopte ili krivo dodavao. No, uvijek sam dao sve od sebe i ostavio srce na terenu. Hvala vam što ste to prepoznali i bili uz mene i reprezentaciju. Od danas, moje je mjesto s vama – među najvjernijim navijačima Hrvatske. Voli vas Mandžo ❤️🇭🇷 #mm17🌪

potrebbe interessarti ancheCroazia-Inghilterra 0-0 (Video Highlights), finisce senza reti a Rijeka

A post shared by Mario Mandžukić MM 17 (@mariomandzukic_official) on

notizie sul temaJuventus, Filippo Tortu e gli “atleti” bianconeri: “Cristiano Ronaldo da 100 metri. Mandzukic perfetto per i 400”Juventus, è Mandzukic il talismano di Allegri: c’è anche il croato per il Pallone d’OroJuventus-Sassuolo: Mandzukic in coppia con Cristiano Ronaldo. I neroverdi proveranno a pungere con il Boa
  •   
  •  
  •  
  •