Champions League, Lippi sull’espulsione di Cristiano Ronaldo: “È vittima di un’allucinazione”

Pubblicato il autore: Stefano Corradi Segui

Cristiano Ronaldo – Foto Getty Images© selezionata da SuperNews

L’ex c.t della nazionale italiana campione del mondo, Marcello Lippi, commenta i fatti avvenuti al Mestalla lo scorso mercoledì 19 settembre, quando Cristiano Ronaldo, al ’29 del secondo tempo, è stato espulso, di fatto, a causa di una svista del arbitro addizionale di porta. Lippi concorda con l’opinione generale e, a suo dire, la UEFA dovrebbe ammettere di aver sbagliato e fare un passo indietro.

Queste le parole di Lippi: “Il rosso a CR7 è stato esaminato da una sorta di Var Mondiale e tutti hanno concordato che per una grattatina alla testa non si può espellere un giocatore perchè una persona ha avuto una allucinazione. Non si può compromettere una partita e specialmente una competizione dal momento che con il rosso diretto la squalifica potrebbe essere di due giornate. Adesso la UEFA dovrebbe dire: ‘signori, abbiamo sbagliato. Non si può tornare indietro perché Ronaldo è già stato espulso e la partita è finita, ma ci siamo accorto d’esserci sbagliati e che la squalifica sarebbe assurda. Pertanto, nessun turno di stop e inseriamo immediatamente il Var in Champions.”

potrebbe interessarti ancheJuventus, maledizione Genoa per Allegri: ancora una sconfitta al Ferraris

In molti sarebbero d’accordo con le idee espresse dal c.t. della Nazionale cinese che non solo ha voluto render noto il proprio sbalordimento per quanto successo, ma ha voluto anche ricordare che tipo di persona è effettivamente Cristiano Ronaldo: “Parliamo di una campione che prima dell’altra sera non era mai stato espulso, e in Champions ha disputato 154 incontri. Contro il Valencia non ha fatto nulla. Giustamente il mondo considera Cristiano Ronaldo un divo, ma prima di tutto è un ragazzo sempre rispettoso e molto disponibile con i compagni. Le lacrime al Mestalla lo confermano una volta di più“.

potrebbe interessarti ancheUna maledizione chiamata Genoa.

A maggior ragione, proprio a riprova della continua serietà e correttezza dimostrata dal campione portoghese, fuoriclasse anche di sportività, la UEFA dovrebbe decidersi ad ammettere pubblicamente il proprio sbaglio e cercare di rimediare. Forse l’adozione immediata della Var (come suggerisce Lippi) è un po’ eccessiva, forse anche utopistica, ma cominciare a considerare di implementarla entro l’anno prossimo sarebbe già un segnale di cambiamento molto positivo.

notizie sul temaAdani a DCI:”Non credo tanto nella mossa Vecino. Sturaro ha fatto bene ad esultare. La Roma ha bisogno di certezze tattiche”Juventus al comando a +15 sul Napoli: la situazione dopo 28 giornateGenoa – Juventus 2-0 ( Video Highlights): Sturaro e Pandev, prima sconfitta per i bianconeri
  •   
  •  
  •  
  •