Dudelange: storia, curiosità e formazione sulla squadra avversaria del Milan in Europa League

Pubblicato il autore: fabio felicetti Segui
STOCKHOLM, SWEDEN - MAY 24: The UEFA Europa League trophy is seen inside the stadium prior too the UEFA Europa League Final between Ajax and Manchester United at Friends Arena on May 24, 2017 in Stockholm, Sweden. (Photo by Mike Hewitt/Getty Images)

(Photo by Mike Hewitt/Getty Images © scelta da SuperNews)

Il F91 Dudelange è il frutto di una fusione tra 3 club lussemburghesi (CS Alliance, US Diddeleng e CS Stadium) fondata nel 1991, il piccolo comune che ospita la squadra del Granducato, con i suoi 20.000 abitanti riempirebbe 4 volte San Siro. Fino ad oggi, la propria bacheca conta 14 titoli di campione e 4 coppe di Lussemburgo, uno score impressionante considerando che ha appena ventisette anni di vita. Dal 2016 in panchina siede Dino Toppmöller, 37 anni. Responsabile dell’accademia giovanile e figlio d’arte. Il padre Klaus, infatti, è il tecnico che nei primi anni 2000 ha fatto le fortune dei tedeschi del Bayer Leverkusen, stoppato in finale di Champions League contro il Real Madrid nel 2003. Da quando c’è lui alla guida del club, il Dudelange ha vinto praticamente tutte le competizioni nazionali, senza lasciare nessun trofeo per strada, sfiorando più volte la qualificazione in Europa, qualificazione che è arrivata quest’anno per la prima volta nella storia, grazie al passaggio dei turni preliminari con Cluj e Legia Varsavia. Il commento che rilasciò per tale traguardo, “Quello che abbiamo fatto fin qui è straordinario, ma non basta ancora”.  fa intravedere la tenacia di questo allenatore, a voler continuare a stupire. Non si può dire lo stesso per l’avvio di questo campionato, che sebbene abbiano due partite in meno si trovano in terzultima posizione in classifica con 6 punti, 2 vittorie e 2 sconfitte.

potrebbe interessarti ancheMilan, Demiral resta un sogno? Pronto l’assalto ad un altro centrale della Juve

Per la piccola Dudelange, il girone sorteggiato (Milan, Betis, Olimpiacos) non sarà una passeggiata e di certo non lo sarà l’esordio, che li vedrà affrontare il Milan in casa, ma non nel proprio stadio, che non risulta idoneo ai regolamenti Uefa. La gara infatti verrà disputata nello stadio nazionale Josy Barthel di Lussemburgo. Nella storia rossonera sono presenti alcuni precedenti nel Granducato, 6 per la precisione, tutte con esito positivo e solo un gol subito, inoltre uno di questi incontri è coinciso con la vittoria della coppa campioni 62/63. Trend che gli uomini di Gattuso vogliono protrarre anche in questa edizione europea, nonostante l’entusiasmo lussemburghese che troveranno ad affrontare in trasferta.

potrebbe interessarti ancheModric-Milan, salta tutto? Il croato non è convinto della proposta rossonera

Lo sa bene l’allenatore calabrese che in conferenza ieri lo ha ribadito, chiedendo il rispetto per l’avversario ai suoi, ma allo stesso tempo consci della superiorità tecnica in possesso – “Non dobbiamo sottovalutare una squadra che gioca per la prima volta nella fase a gironi di una competizione europea” avverte. Toppmoller dal canto suo, fa giocare la sua squadra con un 442 in fase d’interdizione che può diventare 433 nelle discese offensive. I due giocatori con più esperienza in rosa, non potranno godersi la sfida di lusso in campo per infortunio, parliamo del portiere e capitano Joubert, e il serbo trentacinquenne ex Lazio Bisevac. Tra le prime file saranno presenti invece, il bomber della squadra e della nazionale del Lussemburgo, Dave Turpel ancora a secco in campionato, il trequartista tedesco Stolz e Levan Kenia centrocampista georgiano, che ieri ha ricordato a Gattuso di averlo già sfidato in un Italia-Georgia del 2007. Un altro nome di elevato spessore rispetto agli altri, è senza dubbio il giovane talentuoso Danel Sinani, (2 gol in campionato) attaccante esterno e all’occorrenza prima punta, citato da mister Gattuso per la sua imprevedibilità col pallone tra i piedi. E poi per concludere c’è anche Ibrahimovic, ovviamente non l’ex Zlatan, ma bensì un omonimo di nazionalità bosniaca (30 anni) anch’egli infortunato.

notizie sul temaCalciomercato Milan, Bonaventura cambia i piani rossoneri? Suso ago della bilanciaMilan, il colpo Modric tra sogno e realtàDepay-Milan: incontro con l’agenzia SEG per trattare?
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: