Gattuso ringhia su giornalista Sky. Possibile spia dentro lo spogliatoio rossonero

Pubblicato il autore: fabio felicetti Segui

Gennaro Gattuso – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

C’è un caso nello spogliatoio del Milan, una vicenda sgradevole che potrebbe innescare scenari delicati da affrontare, lo ha fatto capire ieri in conferenza stampa, proprio l’allenatore Gennaro Gattuso. Subito dopo il consenso dell’ufficio stampa, alle domande del giornalista Sky Beppe Di Stefano, Gattuso non gli fa esporre nemmeno la domanda che prontamente gli ringhia addosso.  “Poi te un giorno mi devi dire chi fa la spia.” Tutti i presenti lo ascoltano, pensando che sia una battuta ironica che molto spesso il mister concede alla stampa, ma il volto di Gattuso è tutt’altro che ironico, scuro di rabbia continua tenendo lo sguardo sul giornalista “Spero un giorno, di scoprire chi ti dà le informazioni”. Il “Tanto ci riesco eh!” alla fine del suo intervento, fa notare davvero quanto l’allenatore faccia sul serio, qualcuno in sala si offre come volontario per stemperare la tensione che ha riempito la sala, con una risata, qualcun’altro si spinge oltre commentando qualche frase di approvazione, mentre lo sguardo di Gattuso è rivolto verso l’alto. La presunta talpa è stata avvisata, sicuramente è un fatto spiacevole quando si ha la certezza che nel proprio spogliatoio potrebbe esserci davvero una spia, ma il fatto che è stato individuata è già una buona componente per un club che vuole ritornare ai massimi livelli. Gattuso, sembra molto convinto quando lo dice, ed è anche sicuro che riuscirà a smascherarlo.

potrebbe interessarti ancheMilan, Leonardo vicino all’addio: c’è Tare nel futuro dei rossoneri
potrebbe interessarti ancheMilan, Gattuso: “La società non aveva chiesto la Champions obbligatoria”

notizie sul temaDe Rossi al Boca Juniors, si accende la fantasia: quella passione italiana per gli XeneizesDimissioni Leonardo: la Champions salva GattusoMilan, rimpianti e speranze per Gattuso: la Champions League è ancora possibile
  •   
  •  
  •  
  •