Il Monza a Berlusconi, trattativa avviata. Squadra tutta italiana e obbiettivo Serie A

Pubblicato il autore: fabio felicetti Segui

La notizia di pochi giorni fa, dell’acquisizione del titolo sportivo del Monza calcio 1912, sta trovando più di una conferma nell’ambiente, La coppia per antonomasia del calcio dirigenziale italiano: Silvio Berlusconi ed Adriano Galliani, sono pronti per una nuova avventura sportiva di nuovo insieme. La trattativa è reale e ci sono stati già i primi contatti, ammesso anche dall’attuale presidente del club brianzolo che salvò il Monza dal fallimento tre anni fa, Nicola Colombo figlio dell’ex presidente del Milan Felice Colombo , che nel 1980 cedette le sue quote proprio a Berlusconi. Affermando che durante la prima telefonata, l’emissario di Fininvest ha chiesto informazioni sulla società, spiega Colombo, ma anche sull’attuale concessione di 44 anni e sullo stato del piano di riqualificazione, “Il fatto che ci sia interesse – prosegue – mi fa piacere. Vuol dire che in questi tre anni abbiamo rivalutato il club”.

potrebbe interessarti ancheRamsey e Rabiot: la Juventus è regina del costo zero

Anche l’assessore allo sport di Monza Arbizzoni ha voluto esporre il suo pensiero in merito alla questione: “L’interesse di Berlusconi e Galliani è di fondamentale importanza per la città, anche perchè potrebbe innescare un effetto calamita”.
La riqualificazione dello stadio Brianteo con vari servizi commerciali all’esterno, è uno dei punti cardini del progetto, l’impianto sportivo inaugurato nel 1988, costato 18 miliardi di lire è di proprietà dell’amministrazione comunale, con una capienza massima di 18.568 posti ma che per mancati lavori i seggiolini accessibili sono solo 4.999.

potrebbe interessarti ancheMilan Club Parlamento, da Galliani a Boschi: i politici rossoneri si riuniscono a Roma

Sebbene non ci siano notizie ufficiali, la trattativa prosegue costantemente, ed è in fase avanzata visto che le parti sono alle prese con la due-diligence delle casse del Monza per analizzare i dati economici del club, non appena sarà concluso questo step burocratico, Silvio Berlusconi presenterà la sua offerta a Colombo per rilevare almeno il 70 % delle quote. La previsione per un nuovo closing in casa Berlusconi, questa volta con percorso inverso sarà probabilmente entro la fine di Settembre, Adriano Galliani, intanto è già a lavoro per rendere la rosa che milita oggi in Lega pro, in gran parte rigorosamente italiana e più che competitiva per l’obbiettivo numero uno, la promozione in serie A.

In un intervista a Il Tempo, l’ex dirigente sportivo Moggi svela chi sarebbe l’artefice del progetto Monza – “L’idea, è venuta a Galliani. La cui caratura nel mondo del calcio è ancora molto importante per portare grandi nomi nel capoluogo brianzolo. Auguro a entrambi di fare bene, anche perchè sarei felice di vedere il Monza dire la sua nel calcio che conta”. Nomi importanti dunque, ma ancor di più nomi di investitori altrettanto importanti, perchè il peso finanziario nel calcio è la base per creare un futuro solido, e puntare a competizioni più risonanti di quello attuale. Per Adriano Galliani, nativo della grande Brianza, che ha iniziato la sua carriera dirigenziale proprio al Monza nel 1984, ricoprendo per due stagioni consecutive la carica di vice-presidente del club, è più di una scelta di cuore, è un ritorno alle origini ma è soprattutto rimettersi in gioco in un progetto suggestivo con grandi ambizioni.

notizie sul temaMilan, Paquetà-Piątek: la coppia che fa sognareFermana-Monza 0-1 (Video Highlights Serie C): D’Errico firma il gol vittoriaRimini-Monza (Video Gol Serie C), altro ko per Brocchi: vetta sempre più lontana per Berlusconi-Galliani
  •   
  •  
  •  
  •