Juventus, Alvino: “C’è una dittatura in Italia. I bianconeri sono forti politicamente, mediaticamente ed economicamente”

Pubblicato il autore: Gabriele Segui

Juventus – Foto Getty Images© selezionata da SuperNews

Terminata la sosta per le Nazionali, sabato, la Serie A ripartirà con il primo anticipo della 4a giornata: Inter-Parma. Subito dopo, alle 18:00, sarà il turno del Napoli che affronterà al San Paolo una delle squadre rivelazione di questo inizio di campionato: la Fiorentina di Stefano Pioli. Gli azzurri, dunque, dopo il brusco stop subito contro la Sampdoria, dovranno cercare di tornare alla vittoria per rimanere in scia alla Juventus che, nonostante il digiuno di gol di Ronaldo, dopo 3 giornate è prima a punteggio pieno, con 3 punti di margine proprio sul Napoli. Anche quest’anno, perciò, parrebbe profilarsi un testa a testa tra queste due squadre che già durante la scorsa stagione ci hanno divertito con un duello protrattosi fino alla 35a giornata di campionato, quando la Juventus vinse tra le polemiche a San Siro, mentre il Napoli cadde a Firenze perdendo, di fatto, lo scudetto.

potrebbe interessarti anchePogba Juventus, il francese spegne i sogni bianconeri: “Il Manchester United è casa mia”

Secondo il giornalista tifoso del Napoli, Carlo Alvino, per gli uomini di Ancelotti non sarà semplice competere con la Juventus. Non solo per la sua superiorità tecnica -oltretutto rafforzata da una campagna acquisti sensazionale che ha visto, tra i tanti, l’approdo di Cristiano Ronaldo-, ma anche, a suo dire, per il potere mediatico, politico ed economico della società. Queste le parole pronunciate da Carlo Alvino qualche giorno fa a Tv Luna: “Vincere? Non è che non vince il Napoli, non vince nessuna squadra ma solo la Juventus. C’è una dittatura in Italia, fino a quando non verrà rovesciata non vincerà il Napoli, come la Roma, Milan o l’Inter. La Juve è forte politicamente, economicamente e mediaticamente. C’è una dittatura. Impossibile fermarla, quella volta che stai per batterla viene anche aiutata. Noi tifiamo per rappresentanza, siamo un tifo identitario, non tifiamo per il risultato altrimenti dovremmo tifare tutti per il Real”

potrebbe interessarti ancheNapoli, calendario in discesa per allontanare l’Inter e mettere fiato sul collo alla Juventus

notizie sul temabeppe-marotta-juventus-calciomercatoMarotta all’Inter è (quasi) fatta, lo conferma l’ex d.g. della JuventusJuventus padrona di San Siro, Cristiano Ronaldo spegne il MilanSconcerti amaro: “La Juventus gioca senza avversarie da sette anni. Una differenza plateale e inaccettabile”
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: