Manchester United, Berbatov sul caso Mourinho-Pogba: “Non è una gara a chi ce l’ha più grosso”

Pubblicato il autore: Stefano Corradi Segui
HUDDERSFIELD, ENGLAND - OCTOBER 21: Jose Mourinho, Manager of Manchester United reacts during the Premier League match between Huddersfield Town and Manchester United at John Smith's Stadium on October 21, 2017 in Huddersfield, England. (Photo by Gareth Copley/Getty Images)

José Mourinho – Foto professionale Getty Images© selezionata da SuperNews

L’ex attaccante dei Red Devils, Dimităr Berbatov, interviene sulla lite che sta infiammando lo spogliatoio di Old Trafford, criticando tanto l’allenatore del Manchester United, José Mourinho, quanto il centrocampista francese, Paul Pogba. Il bulgaro non va tanto per il sottile ed etichetta in maniera alquanto brusca e sbrigativa la querelle, definendola ‘stupida’ e, non mancando di mostrare la propria avversione per quanto sta accadendo, Berbatov ci tiene a precisare che “non si tratta di una gara a chi ce l’ha più grosso”.

L’accusa di Berbatov

La tensione nata tra i due professionisti del Mancheser United è cresciuta in maniera costante nel corso degli ultimi mesi, mentre i Red Devils non sono stati in grado di ottenere i risultati sperati, facendo crescere ancor di più la diatriba, divenuta ormai un caso mondiale.

potrebbe interessarti ancheJuventus, Pogba non è solo un sogno: gli ottavi di Champions potrebbero finanziarlo

Le cose sono cadute precipitosamente in questa stagione, con Mourinho che ha deciso di punire il giocatore privandolo del titolo di vice-capitano e finendo insieme al francese campione del mondo in un battibecco pubblico dalla portata mondiale.

Per questa ragione Berbatov li accusa di mancanza di professionalità. Il bulgaro si dice deluso nel vedere divergenze personali venire messe al di sopra degli sforzi collettivi. Intervistato dai microfoni di Betfairl’ex giocatore dello United ha dichiarato: “Quando sei capitano o vice-capitano, molto spesso non parli solo a nome tuo, ma lo fai a nome di tutta la squadra e non c’è niente di sbagliato nel dare al c.t. la tua opinione. Tuttavia, questo non dovrebbe essere fatto tramite i media. Non aiuta nessuno trasformare una questione personale in un dibattito pubblico, tranne che i media stessi!”

potrebbe interessarti anchePogba all’Inter, operazione da 200 milioni. L’indiscrezione del Daily Mirror

Berbatov non parla solo come giocatore di calcio, ma anche come appassionato sostenitore dei Red Devils, amareggiato per lo scarso rendimento. Vedendo il modo in cui questo litigio influenza negativamente il gioco della squadra, Berbatov ha poi affermato: “Da sostenitore del Manchester United, sono stufo di alzarmi la mattina e leggere tutti questi titoli. Il calcio dovrebbe essere incentrato su ciò che succede in campo, non su chi ce l’ha più grosso!

Parole dure quelle di Berbatov, che, da giocatore noto soprattutto per la propria compostezza e tranquillità, deve sentirsi sinceramente esasperato per esprimersi proprio in questi termini. Nel frattempo, a Manchester si parla di un cambio di allenatore, mentre Pogba valuta le proprie opzioni: Barcellona e Real Madrid sarebbero infatti interessate all’acquisto del francese, mentre la Juventus non disdegnerebbe la possibilità di un ritorno a Torino per lui. Berbatov, in merito a queste eventualità, ha espresso la propria opinione: “Non credo che la soluzione del problema stia nell’andarsene o no da Manchester, sia per uno che per l’altro. Mourinho è uno dei migliori allenatori al mondo e Pogba è un grande giocatore, un campione del mondo, ancora giovane e con grandi prospettive. Se un giocatore non è contento, ha il diritto di dirlo al proprio allenatore e se non lo fa vuol dire che c’è qualcosa che non va, ma in una squadra si vince e si perde tutti insieme

notizie sul temaCalciomercato Juventus: a gennaio Paul Pogba potrebbe tornare in bianconeroPaul Pogba e la fobia dell’acqua, il Daily Star svela il “problema” del fuoriclasse del Manchester UnitedPogba Juventus, il francese spegne i sogni bianconeri: “Il Manchester United è casa mia”
  •   
  •  
  •  
  •