Parma senza Gervinho ed Inglese? No problem, che vittoria a Genoa

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

Foto Getty Images© per SuperNews

Il risultato più sorprendente dell’ottava giornata di campionato proviene dal “Ferraris“, con il Parma che ha surclassato i padroni di casa del Genoa con il punteggio di 1-3. Ancor più clamoroso che ciò sia avvenuto con i ducali che abbiano dovuto sopperire alle assenze dei due calciatori più rappresentativi della compagine giallolbù, ossia Roberto Inglese e Gervinho, entrambi fermi ai box per infortunio.

La sfida contro i rossoblù, quindi, si preannunciava in salita. Ed infatti, pronti-partenza-via, al 6′ gli uomini guidati da Davide Ballardini si sono portati in vantaggio grazie ad un colpo di testa dell’infallibile bomber polacco Piatek, al nono centro dopo sette gare disputate. Un avvio complicato che non lasciava ben sperare. Invece il Parma, ridisegnato in avanti, da D’Aversa, con il tridente composto da Di Gaudio, Ceravolo e Siligardi non si è scoraggiato e in maniera compatta ed organizzata ha imbastito la reazione. Al 16′ l’ex Luca Rigoni ha ristabilito la parità, poi nel giro di quattro minuti, dal 26′ al 30′, gli emiliani hanno messo la freccia, con le reti di Siligardi e Ceravolo. Al termine del primo tempo, inoltre,  al Genoa è stato annullato un gol, per posizione di fuorigioco di Criscito.

potrebbe interessarti ancheRoma-Genoa 3-2 (Video Gol Highlights Serie A). La Roma soffre, ma torna a vincere

Nella ripresa, la banda guidata da Roberto D’Aversa ha sfoderato una performance dispendiosa dal punto di vista dell’intensità agonistica e della sofferenza. Il Grifone si è proiettato costantemente in avanti alla disperata ricerca del pareggio ma i gialloblù hanno palesato un’invidiabile organizzazione di gioco ed uno spiccato feeling tra i reparti, con gli undici in campo a remare dritti verso un unico obiettivo, ossia quello di blindare il vantaggio acquisito, portando a casa una vittoria dal valore intrinseco inestimabile.

Sino ad ora avevamo elogiato il Parma trascinato dalla coppia gol Inglese-Gervinho, per molti versi un lusso per le squadre coinvolte per non retrocedere, mentre in questa circostanza i ducali hanno dimostrato di saper lottare e di convincere anche con i cosiddetti “gregari” in campo, che con impegno ed abnegazione hanno messo in ginocchio un Genoa reduce da tre vittorie consecutive in casa. I gialloblù a seguito di questo successo si issano a quota 13 in classifica, occupando il nono gradino, conquistando, altresì, il secondo trionfo in trasferta, dopo aver espugnato “San Siro” contro l’Inter, dando seguito, così, ad una serie di risultati decisamente confortanti.

potrebbe interessarti ancheRoma-Genoa, i giallorossi vincono ma la crisi non è affatto superata

Intervistato al termine del match, queste le dichiarazioni più interessanti rilasciate dal tecnico gialloblù Roberto D’Aversa, abile nell’inculcare una mentalità da combattenti ai suoi uomini:” Oggi è stata una vittoria molto importante. I ragazzi hanno dimostrato che la forza del gruppo a volte può essere un punto di partenza. Oggi, più che degli assenti, parlerei di quei ragazzi che hanno dimostrato di meritare la categoria. Un plauso a questa squadra che ha dimostrato di essere un grande esempio. Il nostro obiettivo è la salvezza. Il nostro più grande errore è alzare l’asticella. Dobbiamo lottare con il coltello fra i denti per ottenere il maggior numero di punti possibili“.

notizie sul temaRoma-Genoa, ultima spiaggia per Di Francesco? Prandelli cerca la prima vittoriaPartite Serie A oggi 16 dicembre: alle 18 Cagliari-Napoli, nel posticipo la Roma ospita il Genoa per uscire dalla crisiGenoa-Spal, l’avventura di Prandelli inizia con un pareggio in inferiorità numerica
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,