Asensio e il retroscena su Rafa Nadal: “E’ stato a lui a segnalarmi al Real Madrid”

Pubblicato il autore: Massimiliano Sacchetti Segui

Marco Asensio – Foto Getty Images© selezionata da SuperNews

Da quel 21 gennaio 1996 quando l’olandese Maria Gertruida Margaretha Willemsem, madre di Marco Asensio, decise di chiamare il proprio figlio con il nome di Marco Van Basten (la stella del calcio olandese e del Milan pluricampione degli anni novanta)  il destino di Asensio era scritto; il ragazzo cresce nel vivaio del Maiorca e giunge all’esordio tra i professionisti nel 2013 non ancora maggiorenne e già a fine 2014 viene ingaggiato dal Real Madrid per 3,5 milioni di euro.

Come è possibile che un ragazzino che milita in Segunda Division sia entrato così rapidamente nelle attenzioni dei blancos? Forse un manager particolarmente scaltro o un osservatore legato al Real Madrid o un allenatore del vivaio? Niente di tutto ciò,  a raccontarlo è stato lo stesso Asensio che in un’intervista su RealMadridTV ha rivelato che il suo Pigmalione fu un suo conterraneo a tutti noto: Rafa Nadal, questi vide Asensio a una partita del Maiorca e non esitò a chiamare direttamente Florentino Perez per consigliarli il giovane talento: Non fatevi scappare questo ragazzo, e cosi fece il presidente del Real Madrid. L’anno successivo Asensio viene mandato all’Espanyol dove, confermando l’impressione di Nadal, vince il premio come giocatore rivelazione della Liga.

potrebbe interessarti ancheCalciomercato Juventus, anche Marcelo dal Real Madrid?

Nel campionato 2016/2017 arriva alla corte di Zinedine Zidane, di cui teneva il poster in camera da bambino, e inizia la sua straordinaria carriera, Asensio ricorda quando durante il ritiro di precampionato fu chiamato dopo cena da Zidane che gli dichiarò l’intenzione di tenerlo in squadra e come titolare già dalla super coppa europea, vinta dal Real 3 a 2 contro il Siviglia: come iniziare meglio, titolare, conquista del titolo e anche un gol.

Se non fosse stato per Nadal, Asensio sa che sarebbe comunque arrivato al Real Madrid grazie alla fiducia della madre che oggi non c’è più e a cui dedica tutti i suoi gol: diversi anni fa ero al porto di Palma con i miei genitori quando vedemmo la barca di Florentino Perez, mia madre chiese al presidente se potevamo fare una foto con lui e gli disse che un giorno io avrei giocato nel Real Madrid; se non è destino questo.

potrebbe interessarti anchePartite DAZN 19-20-21 gennaio: oggi pomeriggio Serie B e Real Madrid-Siviglia, in serata Inter-Sassuolo

Marco Asensio Willemsen è un calciatore spagnolo, centrocampista del Real Madrid e della nazionale spagnola. Durante la sua carriera ha militato dal 2006 al 2013 nelle giovanili del Maiorca, dal 2013 al 2015 nella prima squadra del Maiorca (56 presenze e 7 gol), nel campionato 2015-2016 nell’Espanyol (34 presenze  e 4 gol) e dal 2016 nel Real Madrid (63 presense e 10 gol); Asensio è entrato nel giro della nazionale dal 2012 con l’under 16, 2 presenze, poi under 18, 12 presenze e 8 gol, in under 21 con 18 presenze e 7 gol ed arrivato la prima squadra della nazionale nel 2016 esordendo il 24 maggio nell’amicole con la Bosnia-Erzegovina vinta 3 a 1.  Con il Real Madrid ha vinto un campionato spagnolo, una Supercoppa spagnola, due Champions League, due Supercoppe UEFA e due Mondiali per club.
Dopo l’addio di Cristiano Ronaldo Asensio ha dimostrato di non essere rimasto particolarmente legato al campione portoghese infatti durante u’intervista il maiorchino ha rivelato che Ronaldo lo ha salutato con un SMS, …senza rimpianti.

notizie sul temaAustralian Open, Novak Djokovic alla prova ShapovalovTabellone Australian Open 2019: Djokovic e Zverev nella parta alta, Federer e Nadal in quella bassaCalciomercato Juventus, i bianconeri fanno sul serio per Isco: lo spagnolo ha rotto col Real
  •   
  •  
  •  
  •