13 novembre: dalla Svezia al Chievo, il giorno nefasto di Gian Piero Ventura

Pubblicato il autore: fabricondo Segui

Gianpiero Ventura – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Neanche a farlo apposta: Svezia, Chievo, gialloblu, 13 novembre. What else? Gian Piero Ventura chiude il cerchio del suo annus horribilis con le dimissioni dal Chievo Verona, un’avventura durata appena quattro partite: tre sconfitte e un pareggio, giusto il tempo di riportare i clivensi a quota zero alla dodicesima giornata, dopo la partenza a -3 per il caso plusvalenze. Quella che poteva essere la stagione del riscatto per l’ex ct azzurro, è stata invece la prosecuzione della via crucis, iniziata giusto un anno fa dopo il flop mondiale e la messa all’indice di tifosi e critica. Un anniversario che più amaro non si può: 13 novembre 2017 Italia-Svezia 0-0 e azzurri fuori dal torneo iridato dopo 60 anni, 13 novembre 2018 fine traumatica del suo rapporto col Chievo.

Stamane l’ultimo atto della breve e, a questo punto, incomprensibile storia fra il tecnico e la società veronese, che ha ratificato il distacco con un freddo comunicato di 4 righe sul proprio sito ufficiale. Il club parla di “risoluzione consensuale” con Ventura, che si era legato al Chievo fino al 30 giugno 2020. Al suo posto una vecchia conoscenza, Domenico Di Carlo, che ha sottoscritto un contratto fino a giugno. Non confermata la notizia di una buonuscita chiesta da Ventura al presidente Campedelli, letteralmente basito per una decisione ad oggi inspiegabile. Torniamo a domenica scorsa negli spogliatoi del Bentegodi.

potrebbe interessarti ancheTrapani-Chievo streaming e diretta tv Dazn, dove vedere Serie B domenica 01 dicembre

Chievo-Bologna è appena finita: 2-2, non è arrivata quella vittoria auspicata da tutto l’ambiente, che avrebbe potuto dare una scossa nella difficilissima corsa verso la salvezza. Il punticino rimediato in rimonta consente perlomeno ai veronesi di lasciarsi alle spalle la penalizzazione e provare a sfruttare la sosta per ripartire con maggior convinzione. Non c’è niente da festeggiare, ma Ventura spariglia le carte e lascia tutti di sasso, annunciando la sua intenzione di mollare: “Non me la sento di andare avanti, mi dimetto” avrebbe detto di fronte a giocatori sconcertati. A caldo il direttore sportivo Romairone parla di “imbarazzo“, d’altronde è complicato trovare un termine diverso per fotografare una situazione paradossale. “E’ un fulmine a ciel sereno, gli ho chiesto di  contare fino a 10 – spiega di fronte alle telecamere – i giocatori sono col mister, la società fa di tutto per soddisfare le sue richieste“. Ma Ventura ha già deciso, anzi qualcuno sostiene addirittura che il tecnico avesse già presentato le dimissioni dopo il suo disastroso esordio con l’Atalanta, che aveva passeggiato per 5-1 al Bentegodi.

potrebbe interessarti ancheChievo Verona-Virtus Entella streaming e diretta Tv Serie B: dove vedere il match del 25/11

Ma non è tutto, perché l’addio choc di Ventura scoperchia il vaso di Pandora. In un post su Instagram  la bandiera Pellissier, 39 anni, attacca duramente l’allenatore, una bordata dietro l’altra. “Dal primo momento che è arrivato se ne voleva già andare, pazzesco! In 22 stagioni da professionista pensavo di aver visto tutto ma sono costretto ad ammettere che c’è sempre qualcosa di nuovo“. E ancora: “Siamo abituati ad essere sempre in difficoltà e ne usciremo a testa alta. Chi ama questa squadra non la può abbandonare solamente perché le cose vanno male, non è così che si fa, non fate come Ventura“. Scollamento con lo spogliatoio? Troppa pressione? Un crollo psicologico dovuto all’amarezza per il crac azzurro e mai superato? O altro? Solo Ventura può risolvere l’enigma. Se e quando vorrà.

notizie sul temaEuro 2020, verso il sorteggio: l’Italia è testa di serieRomania-Svezia streaming gratis e diretta tv Qualificazioni Euro 2020, oggi 15 novembre dalle 20.45Gian Piero Ventura, da Italia-Svezia ad oggi: è il personaggio meno amato del calcio italiano?
  •   
  •  
  •  
  •