Ibrahimovic rivela: “Che lite con Luciano Moggi. Non volevo lasciare il Milan, Galliani mi ha tradito”

Pubblicato il autore: Giuseppe Biscotti Segui

Zlatan Ibrahimovic – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Ibrahimovic e i retroscena della sua biografia. Il nuovo libro del campione svedese, Io sono il calcio, sarà in vendita nelle librerie dal prossimo martedì ed è molto atteso per il suo contenuto. Il settimanale Fuorigioco de La Gazzetta dello Sport ha rivelato alcune anticipazioni della biografia di Ibrahimovic relativi ai momenti dell’addio a Juventus, Inter Milan. Quello ai bianconeri nel 2006 avvenne: “per colpa di un litigio con Luciano Moggi. Dopo l’espulsione contro il Bayern Monaco, mi disse di scordarmi il rinnovo. Io gli risposi ‘Non voglio rimanere a Torino, non c’è niente che tu possa fare per evitare il mio addio e, scoppiato il caso Calciopoli, la mia cessione fu inevitabile”.

potrebbe interessarti ancheIbrahimovic al Napoli? No grazie, lo svedese torna all’Ajax

Ibrahimovic e l’addio all’Inter. Nel 2009 vi fu il trasferimento record dello svedese dai nerazzurri al Barcellona per 50 milioni più Eto’o. Ibrahimovic ricorda così quel momento: “Mentre Maxwell raccoglieva le sue cose, gli passai un paio delle mie scarpette da gioco dicendogli: ‘Portamele a Barcellona. Tanto a breve ti raggiungo’. Tutti si misero a ridere. Pensavano stessi scherzando. Di lì a due giorni, il Barça m’invitò a un incontro ufficiale e dopo venti minuti ero un giocatore blaugrana”.

potrebbe interessarti ancheCalciopoli, respinto il ricorso della Juventus. Moggi: “Mai chiesto agli arbitri di farci vincere”

Ibrahimovic racconta il tradimento ricevuto da Galliani. L’attaccante si sentiva felice al Milan e rivela che il suo addio ai rossoneri non fu voluto ma imposto dalla società. In particolare si legge nel suo libro: “Galliani mi disse ‘Non hai niente di cui preoccuparti Ibra, non ti cederemo’. Alcune settimane dopo mi trovavo a Vaxholm e cosa vedo sul display del telefonino? Cinque chiamate senza risposta di Mino Raiola…Gli avevo fatto giurare di non chiamarmi durante le ferie, quindi capii che qualcosa bolliva in pentola. ‘Dobbiamo parlare’ mi disse […] ‘Ti chiamerà Leonardo’. ‘E chi sarebbe Leonardo?’, pensai. Poi collegai. Leonardo… il direttore sportivo del Psg. ‘Ascolta, non voglio parlarci. Tanto non vado da nessuna parte, me l’ha confermato Galliani, non vogliono vendermi’. Allora aggiunse Mino in tono secco ‘Già, vedi che ti hanno venduto’ “.

notizie sul temaIbrahimovic shock. Sconfitta in campo poi sbotta: “Ho mandato in coma tre compagni”Moggi profetico: “Scudetto? Sarà lotta a due. Icardi? Meglio non acquistarlo”Ramsey e Rabiot: la Juventus è regina del costo zero
  •   
  •  
  •  
  •