Bundesliga, clamoroso Rebic: segna al Werder ma non esulta perchè pensa sia il Lipsia

Pubblicato il autore: Gioacchino Lepre Segui


Il rispetto si sa, è la base dell’educazione. Chi non apprezzerebbe – tanto nella vita quanto nel calcio – degli atteggiamenti di riconoscenza?

Qui però si è sfiorato il limite tra l’ironico ed il grottesco. Siamo a Brema, ed è lo scorso 26 gennaio. In campo i padroni di casa del Werder contro i biancorossi del Francoforte, in un match intrigante valevole per la diciannovesima giornata di Bundesliga.
Ci sono tutti i presupposti per un match interessante e godibile – come testimonierà il 2-2 finale – ma che nei fatti verrà ricordato per la clamorosa amnesia di Ante Rebic, attaccante croato delle Aquile, con un trascorso in Serie A tra le fila della Fiorentina e dell’Hellas Verona.

potrebbe interessarti anchela Uefa stanga la Lazio per i saluti nazifascisti

Il numero 4 ospite realizza al 35′ la rete del momentaneo 1-1, disegnando una parabola deliziosa con un mortifero sinistro a giro che non lascia scampo a Pavlenka. Incredibilmente, però, Rebic non esulta: i compagni corrono ad abbracciarlo per festeggiare la rete del pareggio ma il croato resta semi-impassibile.

potrebbe interessarti ancheSqualificati Serie A 34°turno: solo un turno di squalifica per Milinkovic e Luis Alberto

E’ rimbalzata nelle ultime ore, infatti, la notizia che Rebic abbia confuso il Werder Brema con la sua ex squadra, il Lipsia (avversaria del Francoforte il prossimo 9 febbraio).
Un lapsus, dunque, che spiegherebbe il perché l’attaccante abbia frenato il suo istinto di gioia in occasione del goal.

notizie sul temaLazio, Inzaghi: ”Contro il Milan ci giochiamo la stagione”Joao Felix continua a brillare, sfida Juve-City per strapparlo al BenficaInter tra campo e calciomercato: Psg su Icardi, interessamento per Gündoğan
  •   
  •  
  •  
  •