Copa Sudamericana – Brendix Parra e il suo cucchiaio…amaro

Pubblicato il autore: Mattia Di Battista Segui

Copa Sudamericana: Il curioso caso del cucchiaio di Parra

Il “cucchiaio“, altresì conosciuto come “scavetto” o meglio ancora “pallonetto” è uno dei gesti tecnici più pregevoli nel gioco del calcio. Un gesto che soltanto in pochi campioni sanno eseguire perfettamente, ma che ha avuto molto “proselitismo” anche tra giocatori “normali”. Accade, però, che se eseguito male può risultare fatale, specialmente quando viene eseguito in situazioni importanti come dal dischetto nel calciare un rigore decisivo in una partita di coppa. Ciò che è accaduto al malcapitato Brendix Parra, sconosciuto (almeno fino a ieri) centrocampista dell’ Independiente Football Club.

potrebbe interessarti ancheRoma: la ricostruzione, e il senso di appartenenza

Un clamoroso errore pagato a caro prezzo

È accaduto durante un’incontro valido per il primo turno della Copa Sudamericana, competizione continentale equivalente alla nostra Europa League. La partita era la sfida di ritorno tra i colombiani del La Equidad (squadra di Bogotà) e l’Independiente Football Club, squadra paraguaiana da non confondere con quella argentina. La partita si era conclusa sullo 0-0 al termine dei tempi regolamentari, con lo stesso risultato dell’andata e si è dovuto ricorrere alla lotteria dei calci di rigore. Per i paraguaiani, si è presentato tra gli altri, il centrocampista Parra il quale ha tentato di beffare il portiere avversario con un cucchiaio, ma i risultati sono stati tutt’altro che quelli sperati e l’errore del giocatore si è rivelato fatale per la sua squadra, eliminata dalla Copa Sudamericana.

potrebbe interessarti ancheL’ As Roma e i suoi tormenti: quando la rivoluzione?

L’eliminazione dalla Copa Sudamericana e l’improvvisa fine dell’avventura di Parra all’Independiente

L’errore dal dischetto e l’eliminazione dell’Independiente Football Club dalla competizione sono costati caro al povero Brendix Parra. Il suo presidente Eriberto Gamarra, infatti, non ha digerito il “cucchiaio amaro” ed ha deciso di licenziare il calciatore, come annunciato dallo stesso Gamarra. «Noi della dirigenza abbiamo preso la decisione di licenziare Parra per il modo in cui ha calciato il rigore. Se avessimo passato il turno, ogni calciatore avrebbe avuto la sua parte di denaro, circa 4.800 dollari ciascuno.» Un brutto colpo per il club e per il giocatore che ha accettato la decisione senza polemiche ed ora dovrà cercarsi un’altra squadra, cercando di lasciare il “cucchiaio” a veri e propri maestri come Panenka (inventore del gesto) o come Francesco Totti che ne ha fatto un  suo colpo da repertorio.

notizie sul temaSampdoria, Ferrero sogna la coppia Totti-De Rossi a GenovaFonseca: “Un onore allenare la Roma, faremo grandi cose”Francesco Totti: svelato il nome del club che ha cercato l’ex dirigente giallorosso
  •   
  •  
  •  
  •