Cairo: “Esordio in Europa League ad Alessandria”

Pubblicato il autore: Mattia Di Battista Segui

Cairo attende l’esordio del suo Torino in Europa League

Urbano Cairo, patron del Torino, attende con grande partecipazione emotiva la prima uscita della sua squadra in Europa League. I granata, infatti, dopo essere arrivati settimi nello scorso campionato, sono riusciti ad ottenere il diritto di partecipare alla seconda competizione europea per clubs dopo l’esclusione del Milan (qualificato sul campo alla fase a gironi) per il fair play finanziario. Dunque, per il Toro la stagione è già cominciata con largo anticipo, in quanto gli uomini di Walter Mazzarri dovranno cominciare il torneo dal primo turno preliminare.

potrebbe interessarti ancheEuropa League, tutti i risultati degli spareggi: brutta sconfitta interna del Torino

Cairo:”Giocheremo il preliminare di Europa League ad Alessandria”

Stagione cominciata con largo anticipo e con una piccola grana, riguardante proprio l’esordio stagionale in Europa League. Nello specifico, la questione problematica è quella dello stadio. Il “Grande Torino”, infatti, è già impegnato in questo periodo con diversi concerti  che sono andati a coincidere con gli impegni europei dei granata. Come annunciato però dallo stesso Cairo, la questione è stata risolta. Il Torino esordirà nei preliminari contro la vincente di Debrecen-Kukesi allo stadio di Alessandria:«Ci dispiace molto», ha commentato il padron torinista, «dover iniziare lontano da Torino l’Europa League, soprattutto per i tifosi. Ma non saremmo stati in grado di sistemare in tempo per la gara il manto erboso dopo i concerti.»

potrebbe interessarti ancheEuropa League, Torino-Wolverhampton 2-3: i Wolves si impongono, reazione tardiva del Toro (video highlights)

La parola passa al campo per il Torino di Urbano Cairo

L’UEFA ha dato il suo benestare, anche se la capienza del “Moccagatta” di Alessandria, che può accogliere otto mila spettatori, dovrà essere dimezzata a causa della mancanza di alcuni requisiti richiesti dalla stessa UEFA in alcuni settori dell’impianto. Ora la parola passa al campo, dopo un’estate di carte bollate e di attesa per Cairo e per il suo Torino. L’Europa League è una realtà e bisognerà tirare fuori il vecchio cuore granata per arrivare il più lontano possibile. Anche con un buon calciomercato.

notizie sul temaSerie A, tutti gli infortunati della prima giornata: Lazio senza Milinkovic e LulicCutrone non si fida del Torino: “Avversario tosto e di carattere”Roma, si prova un doppio colpo in difesa: I dettagli
  •   
  •  
  •  
  •