Armenia, cerniera tra il calcio europeo e asiatico

Pubblicato il autore: Mattia Di Battista Segui

Armenia-Italia, un’altra tappa per gli azzurri verso Euro 2020

L’Armenia sarà avversaria dell’Italia nell’incontro di oggi alle 18 (ora italiana) valido per le qualificazioni a Euro 2020. Un’altra tappa importante per gli azzurri nel cammino verso gli Europei. Tappa che li vedrà impegnati allo stadio “Vazgen Sargsyan” di Erevan, capitale armena, contro una squadra non trascendentale, ma che ha alcuni elementi da non sottovalutare.

potrebbe interessarti ancheTetrathlon. Campionato Italiano Assoluto

Armenia, dall’Unione Sovietica a cerniera calcistica tra Europa e Asia

Nata nel 1992, dopo la creazione della Comunità degli Stati Indipendenti, la Nazionale di calcio armena è stata bacino per l’Unione Sovietica, della quale ha fatto parte, prima di diventare Stato indipendente. I primi anni della federazione calcistica armena furono molto difficili. Il paese, infatti, dopo il crollo dell’URSS attraversò un momento di grande crisi economica. I rapporti tesi con la Turchia e, in particolare, con l’Azerbaigian dopo la Guerra del Nagorno-Karabakh che privò la nazione di energia elettrica e risorse naturali nei primi anni ’90, non aiutarono lo sviluppo del calcio. Dalla seconda metà del decennio la situazione migliorò anche nel calcio ed arrivarono le prime due vittorie contro Irlanda e Albania.

potrebbe interessarti ancheQualificazione Euro 2020; Liechtenstein-Italia 0-5 (Video Highlights): ottava sinfonia azzurra con goleada

Armenia, una nazionale per un popolo oltre i suoi confini nazionali

Dagli anni 2000 in poi, l’Armenia, ponte tra Europa e Asia anche nel calcio, vivrà fasi alterne a livello di risultati. Tuttavia, non sono mancati calciatori di buon livello, espressione anche della presenza di comunità armene nel resto del mondo, iniziata con il genocidio perpetrato dall’Impero Ottomano, fonte ancora oggi di tensioni con la Turchia. Tanti calciatori che hanno vestito la maglia della rappresentativa armena, infatti, sono nati o cresciuti altrove, in particolare in Francia. Tra questi, Éric Assadourian e Michel Der Zakarian. Anche l’ex interista Youri Djorkaeff è di origini armene, ma scelse di giocare con la Francia, sua nazione adottiva con la quale divenne Campione del Mondo nel 1998. La stella del calcio armeno di oggi è invece Enrix Mkhitaryan, nuovo acquisto della Roma. Su di lui saranno puntate le attenzioni della difesa azzurra.

notizie sul temaLiechtenstein-Italia: streaming e diretta tv Rai 1, dove vedere qualificazioni Euro 2020 15 ottobreItalia stacca il pass per Euro 2020: il ritorno sui grandi palcosceniciQualificazione Euro 2020; Italia-Grecia 2-0 (video highlights): Azzurri qualificati e sicuri del primo posto
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: