Marco Ballotta in esclusiva a SN: “Nel nostro calcio c’è un problema legato al razzismo! La soluzione? Si potrebbe seguire il modello inglese”

Pubblicato il autore: Adriano Soldi Segui

In esclusiva ai microfoni di SuperNews abbiamo intervistato Marco Ballotta. L’ex portiere della Lazio, con cui ha vinto lo storico scudetto nella stagione 1999-2000, ci ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito al problema del razzismo nel calcio italiano.

potrebbe interessarti ancheSconcerti profetico: “Sabato ci sarà il sorpasso dell’Inter sulla Juventus. Il Napoli rischia di perdere contro il Milan”

Secondo lei c’è concretamente un problema legato al razzismo nel calcio italiano?
Oggettivamente c’è un problema legato al razzismo nel nostro calcio, altrimenti non si dovrebbero fare i conti con determinate situazioni e determinate polemiche. Indubbiamente ci vuole una cultura diversa. Si sta lavorando, ma non è ancora abbastanza perché alcuni episodi continuano ad accadere, per cui il lavoro che si sta facendo deve essere migliorato. Per cui sì, il problema del razzismo, o ignoranza che sia, è presente purtroppo nel nostro calcio.

Secondo lei in Italia potremmo seguire il modello inglese, caratterizzato da pene severe, per arginare questo problema?
Sono convinto che sia obbligatorio, d’altronde quando si deve risolvere un problema si deve intervenire in modo che questo non esista più. Se fino ad ora non sono stati raggiunti risultati positivi è indubbio che la strategia debba essere cambiata. Ad esempio si possono osservare le altre nazioni e seguire i loro modelli se sono riusciti a raggiungere effettivamente dei risultati positivi, come nel caso dell’Inghilterra. Chiaramente va anche sottolineato che in Inghilterra questo problema è minore rispetto a noi, dato che sono abituati ad una società multietnica da molto più tempo. Nel loro caso la problematica maggiore era quella della violenza, nei confronti della quale sono intervenuti abbastanza duramente. Se un tifoso fa un’invasione viene prontamente arrestato e processato per direttissima. Di conseguenza hanno un sistema di regole decisamente diverso.

potrebbe interessarti ancheSlovacchia-Italia streaming e diretta Tv Qualificazioni Europei Under 19: dove vedere il match del 19/11

Se invece il problema riguarda le società, come accaduto con l’Hellas che ha negato qualsiasi fischio razzista in un tweet dopo Hellas Verona – Milan, come si può intervenire?
In quel caso va ovviamente verificato con delle prove. Se una società afferma che non ci sono stati episodi razzisti durante una partita avrà i suoi motivi, non vedo perché debba dire una cosa per un’altra. Nel caso in cui invece ci siano delle prove e la società, o chiunque altro, le smentisca, allora c’è un problema di base, ricollegabile al problema culturale che ci distingue da altri paesi come la già citata Inghilterra.

notizie sul temaItalia-Armenia Under 21: streaming e diretta tv, dove vedere qualificazioni Euro 2021 oggi 19 novembreOlanda-Estonia streaming gratis e diretta tv Qualificazioni Euro 2020, oggi 19 novembre dalle 20.45Fifa 20 carriera allenatore: i migliori giocatori in scadenza 2021
  •   
  •  
  •  
  •