Stadi e razzismo, il punto di vista di Carlo Tavecchio

Pubblicato il autore: Mattia Di Battista Segui

Razzismo, gli ultimi episodi continuano a far discutere

Gli ultimi episodi di razzismo avvenuti domenica scorsa durante la partita Cagliari-Inter continuano a far discutere. Protagonista, suo malgrado, è stato l’attaccante belga dell’Inter Romelo Lukaku che, prima di calciare il rigore che ha dato la vittoria ai nerazzurri, è stato oggetto di ululati simili al verso della scimmia da parte di alcuni “tifosi” cagliaritani. Subito si sono scatenate le polemiche, aumentate dal fatto che non è la prima volta che episodi del genere vedono coinvolti tifosi sardi.

potrebbe interessarti ancheFigc, Tavecchio tuona: “Alla federazione non serviva un commissario. La Nazionale? Serve limite agli stranieri”

Il commento di Carlo Tavecchio sui recenti episodi di razzismo

Le polemiche e le reazioni contrastanti (e talvolta controverse) non sono mancate. Ultima in ordine di tempo, la lettera alquanto singolare della Curva Nord interista rivolta al beniamino Lukaku nella quale si giustificavano i cori dei tifosi cagliaritani, derubricati a “normali provocazioni nei confronti dell’avversario”. Una lettera che ha scatenato feroci polemiche e ulteriori discussioni. Ad aggiungersi al coro è stato in queste ultime ore anche Carlo Tavecchio, che è tornato a parlare, soffermandosi anche sul tema del razzismo.

potrebbe interessarti ancheItalia, Tavecchio smentisce Ventura:”Dice falsità, non si è mai dimesso”

Tavecchio sul razzismo: “Gli stadi sono dei rifugi per carcerati”

L’ex Presidente federale è intervenuto in una intervista rilasciata a Radio Punto Nuovo, nella quale si espresso, tra i tanti temi, anche sul razzismo con queste parole:«Ho fatto vent’anni in Africa, il problema non è l’accoglienza e sotto questo punto di vista l’Italia è un posto accogliente. Lo stadio è il rifugio dei carcerati, nel quale si scaricano tutte le tensioni che ci sono nel Paese: allo stadio tante persone non hanno rispetto per certe questioni. Bisognerebbe aprire la cultura civica del Paese. La Serie A ha fatto di tutto, la Federazione sta lavorando bene. Non so quali progetti sono in atto, però credo che stiano facendo il possibile per sventare questo fenomeno.», ha dichiarato Tavecchio che fu protagonista di una celeberrima gaffe su questo tema nel suo insediamento in FIGC.

notizie sul temaElezioni FIGC, colpo di scena: sarà commissariamento. I retroscena della giornata elettorale e gli esiti delle votazioniTavecchio-Lega A: ancora tu, ma non dovevamo vederci più?Lega Calcio, Tavecchio nuovo presidente?
  •   
  •  
  •  
  •