Il silenzio di Nicchi, e il profilo Aia blocca gli utenti

Pubblicato il autore: Francesco Moscato Segui

potrebbe interessarti ancheAtalanta-Milan biglietti, Curva Pisani a disposizione

Probabilmente andrà per le lunghe, l’episodio di Napoli-Atalanta, con il Var, con Banti dinanzi agli schermi, che non chiama  Giacomelli dopo il grave errore di mercoledì sera, per il rigore non fischiato al Napoli su Llorente.
La maggioranza dei quotidiani sportivi, afferma che c’era l’estrema punizione, salvo la Gazzetta dello Sport, e quotidiani vicini all’Atalanta, ma si può capire.
Parla anche il fratello di Mazzoleni, di Bergamo, che considera regolare l’azione. Ricordiamo, Mazzoleni, in quel di Pechino, che espulse Pandev, riuscendo a capire parole in lingua macedone, durante la finale di Supercoppa Italiana, del 2012.
Intanto, le tv e le radio napoletane, cercano di contattare Nicchi, Marcello Nicchi, presidente dell’Associazione Italiana Arbitri. E’ impossibile arrivare al capo degli arbitri, per ascoltare una sua considerazione, o motivazione del fallo non fischiato.
Nicchi, ha espressamente detto che “non vuole parlare con radio e tv napoletane”.
Perché? per nascondere qualcosa? Ogni dubbio, è lecito. Ricordiamo come Nicchi, si arrabbiò, dopo l’episodio De Ligt, il fallo di mano, col Bologna: “chi pensa il contrario, non venga allo stadio.”
Intanto, anche il profilo twitter dell’Aia, ha fatto strage di blocchi dei suoi utenti sul profilo social.
Bersagliato dai commenti contrari dei napoletani e anche di tifosi che vogliono chiarezza, invece di dare delucidazioni, ha pensato di toglierli da mezzo.

potrebbe interessarti ancheA Bergamo arriva Santa Lucia, la letterina dei tifosi dell’Atalanta

notizie sul temaBologna-Atalanta probabili formazioni, le scelte degli allenatoriGollini, le sue parate portano l’Atalanta agli ottaviAtalanta, eroi a Donetsk! Ora la Dea è gli ottavi di Champions League
  •   
  •  
  •  
  •