Juventus, ecco perchè non è mai esistito il ” Caso Ronaldo”

Pubblicato il autore: Giovanni Esposito Segui

E’ l’uomo più discusso del momento dopo Juventus – Milan: Ronaldo furioso dopo una sostituzione al 55esimo, ma ecco perchè non si può parlare di “Caso Ronaldo”.

potrebbe interessarti ancheCalciomercato, si prospetta la partenza di un big in casa Juve?

L’Episodio. La Juventus continua a vincere: la vittima, questa volta, è stato il Milan di Pioli che esce dallo Stadium sconfitto per 1 a 0 ma a far discutere è stato l’episodio che ha coinvolto Cristiano Ronaldo. Il fuoriclasse portoghese ha portato a casa un’altra prestazione insufficiente dettata dalla seconda sostituzione di fila questa volta, però, avvenuta al 55esimo minuto: Sarri decide di dare una svolta alla partita, toglie Ronaldo e subentra Dybala che deciderà il match ma qui accade l’episodio più discusso. Il Portoghese, infatti, esce dal campo scambiando un 5 con Dybala ma va dritto negli spogliatoi farfugliando qualcosa al suo rientro per poi lasciare lo Stadium addirittura 5 minuti prima del fischio finale.

Ecco perchè non esiste un ” Caso Ronaldo”. Dopo questa sostituzione tutti quanti hanno subito pensato ad uno scontro con Maurizio Sarri: provando a leggere il labiale, qualcuno percepisce un’offesa rivolta al suo mister ma è lo stesso allenatore a smentire in conferenza: “ Nessun problema con Cristiano, anzi lo ringrazio perché ha giocato in condizioni imperfette poi l’ho sostituito perché non stava bene. La cosa importante è che si sia messo a disposizione. Se si arrabbia quando esce questo fa parte del gioco.” La verità, invece, che il portoghese si sia messo in discussione. Non lo conosciamo di certo oggi Cr7 è un perfezionista, uno che da il 100% in campo e che si mette a disposizione di allenatore e squadra pur non essendo al meglio della condizione: infatti, come riportato da Sarri, Ronaldo nelle ultime settimane ha accusato un problema al ginocchio che lo ha “costretto” a giocare alcune partite sottotono rispetto alle sue potenzialità. L’arrabbiatura, dopo una sostituzione, d’altronde fa parte del gioco e fa parte anche di un carattere forte, da leader come quello dimostrato dal numero 7 bianconero che vuole infrangere record su record e vuole dimostrare a tutti di essere ancora il migliore. Servirà un chiarimento, non doveroso, con i compagni ma Ronaldo, attraverso i suoi social, ha già fatto intendere che è ormai acqua passata e che il meglio deve ancora venire.

potrebbe interessarti anchePjaca-Cagliari, è fatta: visite mediche per il croato

notizie sul temaNapoli – Juventus probabili formazioni: Demme dal 1′, out Mertens. Dybala in vantaggio su HiguainNapoli – Juventus diretta tv e streaming, dove vedere il match 26 gennaioSerie A, designazioni arbitrali e dove vedere i match della 21a giornata
  •   
  •  
  •  
  •