Atalanta, un modello di riferimento. Kit ai neonati a Firenze? A Bergamo dura da 10 anni

Pubblicato il autore: Filippo Davide Di Santo Segui


L’Atalanta è un modello di riferimento per tutte le società. Frase abbastanza esplicita da dichiarare, ma analizzando ciò che si vede sia in campo che fuori, non può che essere altrimenti. La famiglia Percassi (guidata da Antonio) sta svolgendo un programmazione societaria a livello impeccabile: investimenti in squadra ed infrastrutture, bilancio sempre positivo e occhio al riguardo sul settore giovanile. Ovviamente c’è anche da contare l’aspetto legato al tifo: in tutti gli ospedali della provincia di Bergamo, verrà consegnata una maglietta nerazzurra ad ogni neonato (processo che è partito dal 2010). La Fiorentina ha deciso di intraprendere questo processo, prendendosi i meriti, ma ciò non toglie quanto l’Atalanta sia stimata e presa da esempio sotto tutti i punti di vista.

potrebbe interessarti ancheAtalanta, Gasperini: “I miei giocatori sono stati grandiosi. Un paio di goal in più ci avrebbero fatto comodo”

INNOVAZIONE? L’ATALANTA APPLICA QUESTA PROCEDURA DA PIU’ DI 10 ANNI – Nei giorni scorsi, la Fiorentina aveva lanciato l’iniziativa di regalare ad ogni neonato un kit dei viola per far scaturire la passione per la squadra fin dai primi mesi di vita (e di conseguenza ottenere nuovi tifosi). Qualcuno potrebbe parlare di innovazione, ma guardando il lavoro fatto dall’Atalanta fin dal 2010, non è affatto una sorpresa: questa procedura è lanciata dal almeno 10 anni sul territorio bergamasco, e la crescita sul campo degli uomini di Gasperini ha fatto si che molte squadre andassero a valutare al dettaglio (da cima a fondo) il programma della famiglia Percassi, applicando decisioni simili a quelle dei nerazzurri.

potrebbe interessarti ancheAtalanta Zapata non ancora al top, ma quanti applausi a San Siro

notizie sul temaAtalanta, Papu Gomez: “Abbiamo disputato una grande partita”Atalanta-Valencia, Ilicic come D’Annunzio: meraviglia artisticaAtalanta-Valencia, la gioia dei 42mila di San Siro
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: