Atalanta, vincere contro la Roma ma importa portare a casa la “guerra”

Pubblicato il autore: Filippo Davide Di Santo Segui

potrebbe interessarti ancheAtalanta, Gasperini: “I miei giocatori sono stati grandiosi. Un paio di goal in più ci avrebbero fatto comodo”

Per l’Atalanta la partita contro la Roma diventa uno scontro diretto per la lotta alla UEFA Champions League: una vittoria proietterebbe i nerazzurri ad una buona distanza dalle sue inseguitrici (e dirette concorrenti). Occhio però a non sottovalutare i giallorossi: vogliosi di fare un colpo esterno a Bergamo. Si prospetta un match apertissimo, ma se nel caso la Dea non riuscisse a portare a casa l’intera posta deve ragionare in termini sia di punti che di statistiche: in quei casi meglio vincere la guerra che la singola battaglia.

potrebbe interessarti ancheAtalanta Zapata non ancora al top, ma quanti applausi a San Siro

UNO SCONTRO DIRETTO DA PORTARE A CASA, MA E’ PIU’ IMPORTANTE VINCERE LA “GUERRA” – Sicuramente Atalanta-Roma è una di quelle partite che difficilmente verranno considerate come le altre: la posta in palio è talmente alta che una vittoria potrebbe proiettare la stessa Dea a +6 sulla quinta in classifica. Conquistare questo successo sarebbe importantissimo, ma se nel caso la Roma dovesse strappare un colpo esterno al Gewiss Stadium? In questo caso i nerazzurri devono ragionare da statista, pensando ad arrivare prima dei giallorossi in campionato. Certo, uno scontro diretto fa sempre la differenza a livello numerico e morale (ti può portare sulle ali dell’entusiasmo), tuttavia meglio vincere la guerra che non la semplice battaglia. Ricordate l’anno scorso le sfide contro Milan e Torino? Entrambe perse sì, ma l’esito è stato diverso. Raccontando ciò, l’Atalanta deve fare la sua partita dando il 100% indipendentemente dal risultato: un match non sentenzia l’intera stagione.

notizie sul temaAtalanta, Papu Gomez: “Abbiamo disputato una grande partita”Atalanta-Valencia, Ilicic come D’Annunzio: meraviglia artisticaAtalanta-Valencia, la gioia dei 42mila di San Siro
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: