Luciano Zauri: “Inzaghi sta facendo la differenza. Tra Immobile e Lukaku vedo il primo capocannoniere del campionato”

Pubblicato il autore: Stebaro Segui

 


Luciano Zauri ha dedicato gran parte della sua carriera ai colori biancocelesti e in questa intervista ci parla delle chance scudetto della Lazio. Analizziamo quindi le principali differenze e i punti di forza con l’ex tecnico del Pescara, soffermandoci sui relativi bomber e allenatori delle prime tre.

 

potrebbe interessarti ancheGiudice Sportivo, gli squalificati per la 25° di Serie A: Juventus e Lazio senza due big

La Lazio è ufficialmente una pretendente al titolo. La vedi avvantaggiata avendo un’unica competizione sulla quale concentrarsi?
Insomma… se la giocherà comunque con delle corazzate. Quindi avvantaggiata direi di no. Però già il fatto che una squadra come la Lazio, partita sicuramente con ambizioni di alta classifica, ma non per potersi giocare il titolo, si ritrovi lì è comunque una gran cosa e un bellissimo traguardo. Sicuramente le auguriamo il meglio ma sarà molto difficile.

Secondo te qual è il punto di forza rispettivamente di Juve Inter e Lazio? L’arma in più sulla quale ognuna deve puntare.
Se parliamo di Juve c’è sicuramente la mentalità vincente e la continuità di queste vittorie, che vanno a creare quasi un’abitudine sia per la squadra che per i giocatori che imparano sempre più a reggere la pressione e determinati palcoscenici. L’Inter ha fame, grinta e voglia, così come la Lazio che manca in Champions League da anni.

Ora come ora l’Inter, oltre la grinta, può contare anche su un’ottima rosa che sembra veramente completa e fino ad oggi ha tenuto un cammino parallelo con la Juve in campionato. Cosa farà la differenza sul lungo periodo per le prime tre?
Con un Inter che, come abbiamo detto, ha man mano ridotto il gap con la Juve sia in termini di rosa che di atteggiamento e una Lazio che sta dando il 100% creando quindi una sorta di equilibrio in termini di prestazioni collettive tra le prime, direi che come in tutte le competizioni la differenza la faranno anche i singoli sul lungo periodo. In questo caso abbiamo gli attaccanti che si stanno veramente mettendo in mostra e chi tra questi farà meglio sicuramente darà modo alla sua squadra di averla vinta sulle altre.

potrebbe interessarti ancheMoggi: “La Juventus vincerà lo scudetto. Lazio-Inter lo ha confermato”

A proposito dei singoli e degli attaccanti: Immobile e Lukaku; insieme contano 42 gol. A 8 reti di distanza il belga ha ancora qualche possibilità di essere il capocannoniere o è più probabile che ad insidiare Immobile sia Ronaldo? Tu su chi punteresti?
Ronaldo non lo inserirei in questa corsa, ed è forse questa la differenza principale che c’è tra queste tre squadre. Inter e Lazio hanno trovato il bomber, la Juve sta facendo gol un po’ con tutti i suoi elementi. Quindi vedo Immobile stra-favorito e Lukaku un pochino dietro ma è un giocatore talmente importante che può fare gol in qualsiasi momento.

Tra gli allenatori, forse l’unico che sta un po’ deludendo a livello di gioco è Sarri. Tra Inzaghi e Conte chi ti sta piacendo di più?
Per quanto riguarda Conte, ricominciare quasi da 0 per poter vincere non è mai facile, per cui gli va dato atto per questo cambiamento radicale fatto e per i risultati che ne sta ottenendo, giocandosi il titolo. E’ un allenatore che si conosceva e che sta mantenendo le premesse anche in una realtà diversa. Inzaghi si sta facendo conoscere e non è più un allenatore emergente e chiamarlo tale sarebbe riduttivo. E’ un allenatore che adesso sta facendo la differenza insieme alla squadra. Sarri sta cercando di dare la propria impronta alla squadra che probabilmente non ha nemmeno gli elementi adatti al suo gioco, però parliamo di giocatori talmente importanti che tante volte basta semplicemente trovare la chiave nella loro gestione per fare la differenza e in questo momento non sta trovando le risposte che cerca nemmeno nei singoli.

Per concludere. Una previsione prima del match di domenica sera tra Lazio e Inter.
Sbilanciarsi è veramente difficile. Vedo due squadre che se la giocheranno al 50 e 50. Senza cadere nel banale è chiaro che i due bomber appena citati saranno molto probabilmente fondamentali nel decidere il match.

notizie sul temaInter, si punta forte su Milinkovic-Savic per il centrocampoLazio, Lotito: “Siamo un gruppo unito, sono il confidente dei calciatori”Ludogorets-Inter probabili formazioni: Conte concede riposo a Lukaku?
  •   
  •  
  •  
  •